"...i miei versi per canzone siano di tutti perché tutti possano farci qualcosa,
ricavarci un pronostico, un motto, una dedica a sé o a chicchessia...
siano quartine di fortuita poesia decisa dal caso,
siano parole in sorte e frasi dal senso finalmente accidentale,
siano auspicio, indizio, augurio e fortuna...
siano come i sogni per ricavarci i numeri o un avvenire...
Ognuno decida un titolo, il più impulsivo, e poi si aspetti di leggere ciò che è suo..."
(P. Panella)
Il titolo
 
 
Il tuo nome
La tua mail