Europei.Net
01 Apr 2003 - 04:14
Menu
Login

 Nickname
 Password
 Ricordami


Non hai ancora un account?
Registrati subito.
Come
utente registrato potrai
cambiare tema grafico
e utilizzare tutti i servizi offerti.
Newsletter
Devi essere un utente registrato per iscriverti alla nostra newsletter.
"Puoi registrarti qui."

Home |  Forum |  Chat |  Contattaci |  Collabora |  Links
Le promesse di Powell
Colin Powell, segretario di stato Usa � tornato oggi a parlare dello Stato palestinese, ribadendo che gli Stati Uniti auspicano la creazione di uno Stato autonomo entro il 2005. La conferma di Abu Mazen alla carica di primo ministro, ha detto Powell, � una tappa fondamentale nel processo di creazione dello Stato palestinese.
 
Lettere dal fronte
Pubblichiamo una lettera arrivataci via email. L'autore � un infermiere italiano, Mario, volontario di Emergency nel Nord dell'Iraq. Mario ci racconta la vita sotto le bombe in mezzo alla gente comune, tra paracadutisti americani, giornalisti d'assalto ed esercito iracheno.
 
Morti civili: Amnesty International chiede un'inchiesta
Riportiamo per esteso il comunicato sulle vittime civili  in Iraq di Amnesty International.Amnesty International ha sollecitato l'apertura di un'inchiesta immediata e imparziale sulla morte dei civili nel corso del conflitto in Iraq. Ieri alcuni missili hanno colpito un'area residenziale nella zona nord di Baghdad, uccidendo almeno 15 civili iracheni e ferendone una trentina. "Le notizie contrastanti sull'origine dei missili rafforzano la  necessita' di un'inchiesta adeguata",  ha chiesto  l'organizzazione  per i diritti umani.
 
Guerra dei ricchi, sangue dei poveri

Un sondaggio condotto negli Stati Uniti ha evidenziato che l'82% dei bianchi sostiene l'attacco all'Iraq, mentre il consenso degli americani di origine africana, asiatica e ispanica si ferma al 40%. Le emittenti televisive di tutto il mondo hanno mostrato i volti dei soldati anglo-americani catturati dalle milizie del dittatore di Baghdad.


 
Check point Tampa
Sud dell'Iraq, pochi chilometri entro il confine iracheno, ecco il check point Tampa, un perimetro di sicurezza al cui interno possono trovare riparo ed alloggio truppe e giornalisti al seguito.
Il primo giorno del conflitto, questo perimetro era di 5000 metri quadrati, stamane, questo perimetro si era ridotto a soli 2000 metri quadrati, quasi la met� del campo erboso di uno stadio di calcio.
Un puntino di sicurezza che invece di ampliarsi si restringe, a dimostrazione di quanto irrealistiche fossero le previsioni di una vittoria rapida ed indolore delle truppe angloamericane.

 
Scontri di frontiera
Sud dell'Iraq, linea di confine col Kuwait. Da qui sono passate le truppe angloamericane nel loro viaggio verso le citt� dell'Iraq meridionale.
Una zona in cui oggi continuano le scaramucce tra guardie di frontiera kuwaitiane e irachene, quasi che gli eserciti della coalizione si fossero dimenticati di affrontare le difese irachene
 
Primo piano

Venti di guerra Pentagono: il dopoguerra in Iraq lo gestiremo noi
Nulla da fare per Tony Blair nell'ardua impresa di convincere l'amministrazione americana a coinvolgere l'Onu nei piani di ricostruzione del dopoguerra. Il pentagono ha ribadito che sarann...[leggi tutto]
Notizie Flash
Rassegna stampa
Sondaggio
Quanto durer� la guerra in Iraq?

Meno di un mese
Da uno a due mesi
Da due a tre mesi
De tre a quattro mesi
Da quattro mesi ad un anno
Piu'' di un anno


[ Risultati | Sondaggio ]

Voti: 8 | Commenti: 0


I pi� letti
L'articolo pi� letto del giorno �:

Le promesse di Powell
Immagini di guerra





Partners
Links
  Credits
Powered by eNvolution
 

All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. Logo powered by Gaspare Ressa Webat.it.
The comments are property of their posters.
This web site was made with Envolution, a web portal system written in PHP. Envolution is Free Software released under the GNU/GPL license
Pagina creata in 4.746448 secondi.