Da non perdere
SEGNALA IL TUO BLOG!
E consulta la nuova blog directory di Quinto Stato
 INTERVISTA A DAVID LYON
Aumenta a dismisura la sorveglianza, in rete e non
 IL DIRITTO AL GIOCO
I videogames come nuovo paradigma antropologico
 WIRELESS REVOLUTION
Nasce un osservatorio per studiare le potenzialità del wi-fi
Rassegna Stampa
Licenziati per un email
da Punto Informatico
Aumentano i casi di dipendenti estromessi dalle aziende americane e inglesi per uso improprio della posta elettronica
Relazioni pericolose
da Wired.com
Un ingegnere della Intel vince la vertenza contro la sua società: non poteva inviare messaggi critici ai colleghi
Tiscali vs le scorie
da Tiscali
Il provider sardo lancia un'iniziativa contro lo stoccaggio di scorie radioattive nella sua isola
A tutto copyright
da Washington Post
Uno speciale sullo stato del diritto d'autore in Rete e sulle ultime iniziative legali
Poveri pirati
da La Stampa
La Federazione Industriale della Musica Italiana apre la guerra contro il il file sharing nel nostro paese

   Giovedî 26 Giugno 2003

Cultura:

Baudrillard vs. Matrix

a cura di Nuovi Mondi Media
Le Nouvel Observateur intervista Jean Baudrillard a proposito del film Matrix Reloaded.
Dopo avere girato il primo Matrix, i registi del film, i fratelli Wachowski, hanno preso contatto con Jean Baudrillard per chiedergli di fornire la sua consulenza per i sequels in preparazione. Ma il filosofo francese ha rifiutato e spiega il perché in un'intervista al settimanale francese Nouvel Observateur di cui vi offriamo alcuni stralci. "Matrix è un po' il film sulla Matrice che avrebbe potuto fabbricare la Matrice".

- Le Nouvel Observateur. Le sue riflessioni sul reale e il virtuale sono alcuni dei riferimenti proposti dai registi di Matrix. Nel primo episodio lei era citato in maniera esplicita e vi si scorgeva anche la copertina di Simulacres et simulation, apparso nel 1981. Questo la sorprende?

Jean Baudrillard. C'è un equivoco di fondo, ed è la ragione per cui ho esitato finora a parlare di Matrix. Dopo il primo episodio, lo staff dei Wachowski mi aveva contattato per coinvolgermi nei film successivi, ma non c'era neanche da parlarne! (…) Queste persone considerano l'ipotesi del virtuale come un dato di fatto e la trasformano in fantasma visibile. Ma la caratteristica di questo universo, è appunto il fatto che non si possono più utilizzare le categorie del reale per parlarne.

- Il collegamento tra questo film e il punto di vista che lei sviluppa per esempio nel Delitto perfetto è però abbastanza sorprendente. Questa evocazione di un "deserto del reale", questi uomini-spettro resi del tutto virtuali, che sono solo la riserva energetica di oggetti pensanti…

Sì, ma ci sono già stati altri film che trattavano questa crescente indistinzione fra reale e virtuale. Truman Show, Minority Report o anche Mulholland Drive, il capolavoro di David Lynch. Matrix vale soprattutto come sintesi parossistica di tutto questo. Ma il dispositivo qui è più rozzo e non suscita veramente il turbamento. O i personaggi sono nella Matrice, cioè nella digitalizzazione delle cose. O sono radicalmente al di fuori, cioè a Zion, la città di coloro che resistono. In effetti, sarebbe interessante mostrare ciò che accade sul punto di giuntura dei due mondi. Ma quello che è soprattutto imbarazzante in questo film, è che il nuovo problema posto dalla simulazione qui è confuso con quello, molto classico, dell'illusione, che si trovava già in Platone. Il vero equivoco è qui. Il mondo visto come illusione radicale è un problema che si è posto a tutte le grandi culture e che da esse è stato risolto con l'arte e la simbolizzazione. Quello che noialtri abbiamo inventato per sopportare questa sofferenza, è un reale simulato, un universo virtuale da dove è espurgato tutto ciò che c'è di pericoloso, di negativo, e che soppianta ormai il reale, fino a diventarne la soluzione finale. Ora, Matrix è assolutamente all'interno di questo meccanismo! Tutto quanto appartiene all'ordine del sogno, dell'utopia, della fantasia, qui è dato vedere, "realizzato". Siamo nella trasparenza integrale. Matrix, è un po' il film sulla Matrice che avrebbe potuto fabbricare la Matrice.

- E' anche un film che intende denunciare l'alienazione tecnicista e che gioca allo stesso tempo completamente sull'ipnosi esercitata dall'universo digitale e dalle immagini di sintesi…

Quello che è sorprendente in Matrix 2, è che non c'è un barlume d'ironia che permetta allo spettatore di cogliere il lato nascosto di questo gigantesco effetto speciale. Mai una sequenza che abbia quel "punctum" di cui parla Barthes, quel congegno che colpisce e che vi mette di fronte a una vera immagine. E' questo del resto ciò che fa del film un sintomo istruttivo, e il feticcio stesso di questo universo delle tecnologie dello schermo, dove non c'è più distinzione tra il reale e l'immaginario. Matrix è a tal proposito un oggetto stravagante, candido e perverso insieme, in cui non c'è niente né al di qua né al di là. Lo pseudo-Freud che parla alla fine del film, lo dice: a un certo punto, si è dovuto riprogrammare la Matrice per integrare le anomalie nell'equazione. E voi, gli oppositori, ne fate parte. (…) Matrix dà l'immagine di un'onnipotenza monopolistica della situazione attuale, e collabora dunque alla sua rifrazione. In fondo, la sua diffusione su scala mondiale fa parte del film stesso. Qui, bisogna riprendere McLuhan: il medium è il messaggio. Il messaggio di Matrix è la sua stessa diffusione, per contaminazione proliferante e incontrollabile.

- E' abbastanza sorprendente vedere anche che ormai tutti i grandi successi del marketing americano, da Matrix all'ultimo album di Madonna, si presentano esplicitamente come critiche del sistema che li promuove in modo massiccio...

E' proprio quello che rende la nostra epoca abbastanza irrespirabile. Il sistema produce una negatività in trompe-l'oeil, che è integrata ai prodotti dello spettacolo come l'obsolescenza è inclusa negli oggetti industriali. E' del resto il modo più efficace di mettere sotto chiave ogni vera alternativa. Non c'è più nessun punto omega esterno su cui appoggiarsi per concepire questo mondo, nessuna funzione antagonista, c'è solo adesione ipnotica. Ma bisogna sapere pure che più un sistema si avvicina alla perfezione, più si avvicina alla irregolarità totale. E' una forma d'ironia oggettiva che fa in modo che nessuna partita sia giocata fino in fondo. L'11 settembre era partecipe di questo, certo. Il terrorismo non è una potenza alternativa, è solo la metafora di quel capovolgimento quasi suicida della potenza occidentale su se stessa. Questo è quello che ho detto allora, e che non è stato accettato. Ma non occorre essere nichilista o pessimista di fronte a questo. Il sistema, il virtuale, la Matrice, tutto questo tornerà forse alle pattumiere della storia. La reversibilità, la sfida, la seduzione sono indistruttibili.


Inviato da Redazione, 08:12 AM
I vostri commenti
Inserisci un commento
















Quinto Mailing
Iscriviti alla newsletter settimanale di Quinto Stato. Inserisci la tua mail per ricevere le nostre news.
Gli ultimi interventi
Chi suona il solito disco e chi no
I soliti ingordi...
Nasce l'economia della paura: una ricerca di RSA
Rete e sorveglianza: intervista a David Lyon
Consulenti finanziari: "mai più sole"
E a Marano apparve in sogno San Freccero
Giù le mani dal Corriere
Le relazioni pericolose di Viale Mazzini
Nasce Sky Italia, monopolio benedetto da Bruxelles
Radio Aut rinasce sulla rete
Condividere la conoscenza per competere
Open Source e Pubblica Amministrazione
Parte Webb.it, per riavviare la net economy
La sfida dell' informatica umanistica
Gli alfabeti come beni universali
Baudrillard vs. Matrix
Dal copyright al copyfight: QS intervista Wu Ming 1
Cacciari: la rete, tra regole e libertà
De Kerckhove: la guerra, il giornalismo e i blog
La concentrazione della "network society"
Il Termidoro della Net Economy?
Lavoratore io? Quando mai
La guerra mutante
La Privacy è un affare?
Ripensare la politica
Criticare la tecnologia
Il wi-fi dimezzato
Il Diritto al Gioco: un nuovo paradigma antropologico
Il tramonto del quarto potere
Genova 2001: disinformazione e controinformazione
Telestreet, contro il monopolio della mente
Urban TV: la rivoluzione dell'audience
Piccole televisioni crescono
Arriva la telestreet milanese
NoWar Tv, storie di un'altra guerra
Lawrence d'Arabia e la guerriglia contro il copyright
Il dominio di Telecom
A lenti passi verso il software libero
"Pirateria": la repressione non servirà a niente
I blog e gli anni Settanta
Guai in vista per ZDNet
I forzati delle redazioni
Call Center, l'esercito dei 180.000
Bassoprofilo Spa
Ritratto di un net-worker
Libri
Dall'utopia planetaria alla società globale
L'incubo americano di Sbancor
Il soggetto scabroso
Il postcapitalismo secondo Peter Drucker
La letteratura nell'era digitale
Il nostro manifesto
PA: sì con riserve all'open source
Si accomodi, Senatore Gates
Numeri pazzi
Protesta contro Gates al Senato!
E dopo il Papa ecco Bill Gates
Martedì 1 luglio 2003
Lunedì 30 giugno 2003
Venerdì 27 giugno
Giovedì 26 Giugno 2003
Mercoledì 25 Giugno 2003
Nasce la Blog Directory di QS!
Chi siamo
L'istruzione pubblica trascura il software libero
Esce Global Magazine
Uno strizzacervelli per Bush
Pazzi e scrittori
Caro Presidente del Consiglio
Piange il telefono
Elearning: c'è ancora da imparare
Occhi puntati sul Wi-Fi
I bolscevichi della Televisione
Wi-Fi pret-à-porter
Il calendario
Luglio 2003
Dom Lun Mar Mer Gio Ven Sab
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
Cerca su QuintoStato

L'archivio
Quinto Stato Testata registrata presso il Tribunale di Milano, num. 702 del 10/12/2002
Direttore responsabile:
Carlo Formenti
Redazione:
Marco Barbieri, Igino Domanin, Carlo Formenti, Walter Molino, Stefano Porro
Content Policy
È possibile diffondere liberamente i contenuti di Quinto Stato utilizzando i seguenti collegamenti:

XML RSS 0.91

XML RSS 1.0
Movable Type
Quinto Stato 2002 ® - Contacts: redazione - staff- webmaster - ufficio stampa