Gruppo Consigliare AUTONOMISTI TRENTINI - GENZIANE
AUTONOMISTI TRENTINI dicembre 2002 << giornale di informazione per l'autonomia trentina
<< SCARICALO SUBITO IN FORMATO PDF

GARANTIRE QUALITA' DELLA VITA ALLE NOSTRE VALLI PER IL FUTURO DEL TRENTINO
CONVEGNO AUTONOMISTI DELL'ARCO ALPINO
PIANO STRAORDINARIO DELLA VIABILITA'
.... E MOLTO ALTRO ANCORA ...
CHI SIAMO
COSA VOGLIAMO
RASSEGNA STAMPA
DOVE CI TROVI
FORUM
SCRIVICI
IL NOTIZIARIO
GRUPPI CONSIGLIARI AUTONOMISTI TRENTINI - GENZIANE

NASCE IL MOVIMENTO "AUTONOMISTI TRENTINI - GENZIANE"
Trento, 4 Marzo 2000
 
Il quattro marzo 2000, presso il "Grand Hotel Trento" di Trento, si è tenuta l'assemblea costituente del Movimento Autonomisti Trentini - Genziane presieduta dagli Assessori Sergio Casagranda, Sergio Muraro, Dario Pallaoro e dall'Obmann della SVP Sigfried Brugger.
L'assemblea ha visto la partecipazione di quasi settecento persone tra cui numerosi amministratori pubblici e rappresentanti del mondo socio-economico. In tale sede, agli Autonomisti Trentini è stata data la legittimazione dell'Obmann della SVP quali interlocutori trentini del suo partito.

ASSESSORE
SERGIO MURARO
Assessore ai lavori pubblici e all'emigrazione
 

Nato a Borgo Valsugana il 29 ottobre 1951, risiede a Castello Tesino. Sposato, padre di tre figli.
È diplomato congegnatore meccanico ed è dipendente della Provincia autonoma di Trento.
Rieletto Consigliere Regionale, alle elezioni regionali del 22 novembre 1998, è alla sua seconda esperienza politica Consiliare.
Nella precedente legislatura ha ricoperto l'incarico di Assessore Provinciale al Personale ed ai Trasporti.
Attualmente è Assessore ai Lavori Pubblici e all'Emigrazine.

e-mail: muraros@consiglio.provincia.tn.it

 

 

ASSESSORE
DARIO PALLAORO
Assessore all'agricoltura e alla montagna
 

Nato a S. Orsola Terme in Valle dei Mocheni il 22 settembre 1943, risiede a Pergine, sposato, due figli.
Dopo aver conseguito la maturità classica al liceo Arcivescovile di Trento, ha studiato agraria presso l'Università cattolica del S. Cuore di Piacenza, dove si è laureato con lode, nel 1967.
Dopo un anno di insegnamento è stato assunto presso l'Ispettorato Provinciale dell'agricoltura di Trento, dove si è occupato del settore zootecnico ed è poi passato al settore frutticolo, del quale è stato il responsabile per oltre quindici anni.
È stato poi nominato direttore dell'osservatorio per le malattie delle piante e dal 1987 è stato chiamato a dirigere il Servizio Strutture, gestione e Sviluppo delle Aziende agricole.
Profondo conoscitore dei problemi della montagna e delle zone particolarmente svantaggiate, è stato un fautore dell'introduzione delle colture a frutto piccolo nelle zone di montagna, promuovendo inoltre la costituzione di cooperative agricole del settore.
È stato il principale collaboratore tecnico per la predisposizione della legge a favore dell'agricoltura di montagna, per le sue conoscenze della realtà agricola locale e dell'arco alpino, in particolare Austria, Svizzera e Baviera.
Sindaco del Comune di Sant'Orsola per cinque anni, per dieci successivi vicesindaco. È stato vicepresidente e assessore all'Agricoltura e Foreste del Comprensorio dell'Alta Valsugana.
Membro della Giunta esecutiva e del Consiglio del Partito Autonomista Trentino Tirolese, per lo stesso è stato eletto Consigliere regionale per la XI Legislatura, durante la quale ha ricoperto gli incarichi di assessore al Bilancio, alle Opere Pubbliche ed all'Agricoltura, Foreste e Cooperazione della Provincia autonoma di Trento.
Dal 24 febbraio 1999 è assessore provinciale all'agricoltura e montagna.

e-mail: pallaorod@consiglio.provincia.tn.it

 

RICORDO DELL'ASSESSORE SERGIO CASAGRANDA

9 agosto 2001, addio Sergio Casagranda: il Trentino ha perso un protagonista della nostra Autonomia. Sergio Casagranda un uomo semplice sempre pronto a dare una mano che ha saputo vivere fra la gente e per la gente, un amico vero al servizio della collettività trentina, un politico presente e disponibile al confronto e al dialogo, che si è guadagnato la stima di quanti lo hanno conosciuto in politica come nella vita. Ha fatto della politica una ragione di vita, senza dimenticare i veri valori della vita, che con umiltà e tenacia lo hanno accompagnato in ogni momento. E' stato un uomo di poche parole e di tanti fatti, che ha creduto in ogni iniziativa o progetto che con grande determinatezza entusiasmo ed impegno ha portato avanti; un cittadino e rappresentante istituzionale instancabile nel suo impegno in favore della collettività e per la difesa e lo sviluppo dell'Autonomia. Con Casagranda è scomparso un grande amico dell'autonomia, un uomo che non si è mai tirato indietro quando si trattava di portare avanti scelte anche difficili. Il vuoto che ha lasciato non sarà sicuramente colmato facilmente ma il suo insegnamento, nella semplicità e coerenza, non sarà dimenticato da chi ha a cuore le sorti del Trentino, ciao Sergio...

gli Autonomisti Trentini