Liceo Scientifico “G. Marconi” di Pesaro - Dipartimento di Storia e Filosofia

PROGETTO  MAPPA  DELLA  MEMORIA

 

     homepage del Liceo

 

Responsabile: prof. Paola Fraternale Meloni

 

Il Dipartimento di Storia e Filosofia del Liceo Scientifico “G. Marconi” di Pesaro partecipa al progetto, inserito nel seminario MAPPA DELLA MEMORIA (Fermo, 3-7 aprile 2000) e promosso dal Ministero della Pubblica Istruzione in collaborazione con Istituto dell’Enciclopedia Italiana, e propone l’approfondimento, in chiave interdisciplinare, di temi rilevanti per la comprensione del Ventesimo secolo.

 

Il gruppo di lavoro costituito da docenti di storia e filosofia del liceo si avvarrà del contributo scientifico dell’Istituto pesarese per la storia del movimento di liberazione.

Il progetto MAPPA DELLA MEMORIA prevede un disegno multimediale di una mappa indicante concetti, metodi, strumenti e istituzioni della memoria per avventurarsi nella esplorazione della contemporaneità attraverso i luoghi e i modi della mediazione culturale.

Il secondo Novecento presenta cambiamenti profondi nell’assetto degli strumenti della ricerca e delle istituzioni dedicate alla "memoria del sapere": non solo aumenti quantitativi, ma modifiche strutturali – nei mezzi di comunicazione, nei supporti fisici dei documenti, nel ruolo della scrittura e in quello delle immagini – su cui è necessario organizzare nuovi strumenti di comprensione e di orientamento.

A partire da questa premessa l’Istituto della Enciclopedia Italiana, nell'ambito della Convenzione con il Ministero della Pubblica istruzione, ha inteso organizzare materiali di riflessione in formato digitale per dare avvio a un lavoro interattivo in rete con i docenti.

Nel corso del seminario di Fermo si sono formati tre gruppi costituiti da docenti di diverse scuole italiane che continuano a collaborare in rete su alcuni argomenti significativi della storia del XX secolo. Il Liceo Scientifico “G. Marconi” si occupa di:

 

GUERRA E TECNOLOGIE

come sintesi di due momenti speculari

 LA BOMBA ATOMICA e LA GUERRA CHIRURGICA