Luca De Biase
An Italian journalist writes about what's happening in his funny country:
a laboratory for the study of broken democracy and creative capitalism.
Plus news about media and cultures.



Creative Commons License

Subscribe to "Luca De Biase" in Radio UserLand.

Click to see the XML version of this web page.

Click here to send an email to the editor of this weblog.

 

 

In nome del popolo mondiale - sommario

IN NOME DEL POPOLO MONDIALE

Connessi, contaminati, cosmopoliti

di Luca De Biase


--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Questa è la bozza finita l'11 ottobre 2001 di un libro che ho pubblicato quell'anno con Fazi editore.
Sono tornato in possesso dei diritti e lo metto a disposizione di tutti in rete. Chiedo a chi lo usa di citare la fonte.
--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------




SOMMARIO

INTRODUZIONE
- Piccole inquadrature personali

1. FALSA PARTENZA
- La crisi della globalizzazione
- Quelle domande nel silenzio
- Incomprensioni fatali
- Connessi e contaminati
- Cosmopoliti in attesa del popolo mondiale
- La lunga durata della globalizzazione
- L'immagine della globalizzazione nel terzo millennio.
LINK

2. LABIRINTO GLOBALE
- Chi siamo?
- Dalla Luna a Berlino.
- I caratteri del nuovo paradigma
- Inno a Joy
- Nessuno è perfetto. Nemmeno il mercato. E tanto meno il capitalismo.
- Il migliore dei mondi possibile è impossibile.
- Il futuro non è un binario. In Argentina lo sanno.
- Il mercato vero è imperfetto e regolato
- Ogni angolazione della mondializzazione presenta le sue ambiguità
- La storia riprende il sopravvento
- E così, la responsabilità...
LINK

3. CONTAMINATI: IL MUSEO DI BABELE
- Niente paura: è solo che qualcosa ci è entrato dentro e ci sta cambiando.
- Il nuovo Terrore.
- La tragedia di Genova.
- È questo il popolo mondiale?
- L'incomunicabilità
- La contaminazione incontrollabile del denaro.
- La tecnologia della libertà obbligatoria
- L'unità del mondo e il museo di Babele
- Ecumenismo unilaterale
- Cuba la chiusura di una civiltà aperta
- Il cielo sopra L'Avana.
- La triste ironia del testimone.
- Effetti ambigui della contaminazione
LINK

4. CONNESSI - UN SISTEMA NERVOSO MONDIALE
- La Rete tra opportunità e Terrore
- Il consenso sulla Rete
- L'"era dell'accesso" di chi a che cosa?
- Digital divide et impera?
- Il trionfo della geografia. E della storia.
- Di chi è l'informazione? Il gioco dello scambio è su Internet.
- L'economia della collaborazione
- L'epoca del tempo.
- Le nuove tribù online.
LINK

5. COSMOPOLITI: ANCORA SULLA STRADA
- Noi siamo la nostra memoria. Oblio compreso.
- Da dove vengono i cosmopoliti?
- Pasquale Pistorio. A casa in Svizzera, in Sicilia e a Singapore.
- Una metanazionale e il suo leader
- Una mondializzazione delle culture locali.
- Heinrich von Pierer. Multiculturali alla ricerca di valori condivisi.
- Mi inchino, kantianamente, di fronte alle regole che ho scelto.
- Un gruppo, diversi contesti, diversi valori: la ricerca di un'identità.
- Sviluppo economico e diritti umani.
- Le diverse velocità: politica ed economia.
- Stuart Kauffman. Quando cambia il paradigma, la diversità vince.
- Le chiavi della "cosmopolitica".
- Le fonti del sacro
LINK

6. IL GIORNO DEL PREGIUDIZIO UNIVERSALE
- Come si valuta l'innovazione?
- Di chi è l'informazione su di noi?
- Di chi è il governo del mondo?
LINK

7. IN NOME DEL POPOLO MONDIALE
LINK



-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Tutta la terra aveva una sola lingua e le stesse parole. Emigrando dall'oriente gli uomini capitarono in una pianura nel paese di Sennaar e vi si stabilirono. Si dissero l'un l'altro: "Venite, facciamoci mattoni e cuociamoli al fuoco". Il mattone servi loro da pietra e il bitume da cemento. Poi dissero: "Venite, costruiamoci una città e una torre, la cui cima tocchi il cielo e facciamoci un nome, per non disperderci su tutta la terra". Ma il Signore scese a vedere la città e la torre che gli uomini stavano costruendo. Il Signore disse: "Ecco, essi sono un solo popolo e hanno tutti una lingua sola; questo è l'inizio della loro opera e ora quanto avranno in progetto di fare non sarà loro impossibile. Scendiamo dunque e confondiamo la loro lingua, perché non comprendano più l'uno la lingua dell'altro". Il Signore li disperse di là su tutta la terra ed essi cessarono di costruire la città. Per questo la si chiamò Babele, perché là il Signore confuse la lingua di tutta la terra e di là il Signore li disperse su tutta la terra.

Genesi, 11.
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------


Click here to visit the Radio UserLand website. © Copyright 2008 Luca De Biase.
Last update: 13-01-2008; 19:36:34.
This theme is based on the SoundWaves (blue) Manila theme.