GIUSEPPE PARINI:    Le opere

Il testo delle opere in elenco è leggibile cliccando sul titolo, se il relativo collegamento è attivato (caratteri in colore)

1752 Alcune poesie di Ripano Eupilino
De' principi generali e particolari delle belle lettere applicati alle belle arti
1757 Dialogo sopra la nobiltà
1758 Vita Rustica (Prima delle Odi: sulla forza della propria coscienza)
1758 Sopra la guerra
1759 La salubrità dell'aria (di argomento naturalistico)
1761 Discorso sopra la poesia
1761 Auto da fé
1761 L'impostura (sulla superiorità dell'onestà sull'ipocrisia)
1762 La Musica (critica dell'usanza di far castrare i bambini per avere voci bianche)
1763 Il mattino. Poemetto
1764 L'educazione (manifesto delle sue idee pedagogiche)
1765 L'innesto del vaiuolo (dedicata al medico e poeta Giammaria Bicetti, membro insieme a Parini dell'Accademia dei Trasformati)
1765 La primavera (celebrazione della primavera, "per compiacere una persona che la desiderò da mettere in musica per il cembalo")
1765 Il meriggio
1765-1766 Il bisogno (al magistrato svizzero Pier Antonio Wirtz, sul bisogno come causa di criminalità)
1774 Il piacere e la virtù (forse scritta per un ballo mascherato di corte su richiesta di un amico, ma l'argomento sembra richiamare piuttosto un matrimonio)
1777 La laurea (in onore della laurea in legge di Maria Pellegrini Amoretti)
1777 Le nozze (lode dei virtuosi piaceri coniugali)
1778 Il brindisi (sull'amore che esalta la gioventù e sull'amicizia che consola la vecchiaia)
1783-1784 La recita de' versi (inizialmemte intitolata: "Sopra l'uso di recitare i versi alle mense, ed avanti persone incapaci di gustarli")
1785 La caduta (in occasione di una caduta del poeta, scivolato per il fango e soccorso da un "buon cittadino")
1786 In morte del maestro Sacchini (commemorazione per la scomparsa dell'amico Sacchini)
1786 La tempesta (in occasione della riforma burocratica dell'imperatore Giuseppe II, per la quale il poeta temeva di perdere la cattedra di eloquenza e belle lettere che aveva presso le Scuole Palatine di Brera)
1787 Il pericolo (per il turbamento provocato nel poeta ormai vecchio dalla visita della giovane e bella gentildonna veneziana Cecilia Renier Tron)
1788 La magistratura (in onore di Camillo Gritti, che si era dimesso da podestà di Vicenza)
1790 Il dono (come ringraziamento alla marchesa Paola Castiglioni, che gli aveva fatto avere l'edizione parigina delle tragedie di Vittorio Alfieri)
1790-1791 La gratitudine (in onore del cardinale Angelo Maria Durini, suo protettore)
1793 Per l'inclita nice o Il messaggio (per l'interessamento della contessa Maria di Castelbarco per la salute del poeta)
1795 A Silvia (come critica alla moda femminile di quegli anni di vestire à la victime)
1795 Alla Musa (Ultima delle Odi: affinchè Leopoldina Kevenhüller esorti il marito marchese Febo d'Adda a riprendere a scrivere poesie dopo l'interruzione seguita al matrimonio)
1801 Il vespro
1801 La notte
data incerta Piramo e Tisbe (ode di argomento mitologico)
data incerta Alceste (ode di argomento mitologico)
data incerta Ascanio in Alba (libretto per l'omonima opera pastorale--K111--di Wolfgang Amadeus Mozart, rappresentata per la prima volta al Teatro Ducale di Milano il 17 ottobre 1771, in occasione del matrimonio dell'Arciduca Ferdinando d'Austria con Maria Ricciarda Beatrice d'Este e del suo ingresso a Milano come governatore e capitano generale della Lombardia). In caso di difficoltà a reperire la registrazione dell'opera, è possibile cercarla cliccando qui.
data incerta Mitridate, rè di Ponto (traduzione in italiano della tragedia Mithridate, di Racine. Va ricordato che da questa traduzione Vittorio Amadeo Cigna-Santi trasse il libretto per l'opera seria in 3 atti dallo stesso titolo, musicata (come l'Ascanio in Alba) da Wolfgang Amadeus Mozart (K87). Quest'opera venne rappresentata per la prima (e forse unica) volta al Teatro Regio Ducale di Milano, il 26 dicembre 1770. Personaggi e interpreti erano: Mitridate, Guglielmo d'Ettore; Aspasia, Antonia Bernasconi; Sifare, Pietro Benedetti (Sartorino); Farnace, Giuseppe Cicognani; Ismene, Anna Francesca Varese; Marzio, Gasparo Bassano; Arbate, Pietro Muschietti

Torna all'indice

Ultimo aggiornamento di questa pagina: 10/28/02.

 

 

1