Il Fatto Quotidiano

aggiornato alle 10:34 di Martedì 6 Dicembre 2011

Politica & palazzoGiustizia & ImpunitàMedia & RegimeEconomia & LobbyLavoro & PrecariAmbiente & VeleniSport & MiliardiDirittiCronacaMondoCervelli in fugaSocietàScuolaTerza paginaTecnoPiacere quotidianoDocumentati!Emilia RomagnaAnnunci

Archivio cartaceo | di Antonio Massari | 4 dicembre 2011

Commenta (12)

Finmeccanica e la megatangente su Panama

I giornali panamensi: pagati 81 milioni di dollari in più per l'acquisto di radar ed elicotteri. Sotto accusa il governo Martinelli. Un ex ministro del paese centroamericano dichiara: "Ho respinto pressioni di chi voleva Valter Lavitola console onorario. Frattini lo sa"

Oltre alla Procura di Napoli e Roma, a sospettare di tangenti internazionali pagate da Finmeccanica, ci sono anche i giornalisti panamensi: ieri il quotidiano La Estrella ha scoperto che nei conti della commessa da 333 milioni di dollari – quella per l’acquisto panamense di 19 radar e 6 elicotteri – c’è una “discrepanza” di ben 81 milioni. I conti non tornano, scrive il quotidiano, e proprio quegli 81 milioni di differenza possono nascondere la mazzetta che imbarazza il presidente Ricardo Martinelli. Imbarazzo doppio, considerato che a Panama s’è rifugiato Valter Lavitola, latitante ormai da mesi, dopo la richiesta d’arresto (per un altro reato: aver istigato Gianpi Tarantini a mentire, nel procedimento barese sulle escort, per tutelare Silvio Berlusconi). E sempre ieri, proprio su Lavitola, l’ex ministro degli Esteri panamense, Juan Carlo Varela, ha rivelato un altro importante scenario: “Mi sono rifiutato in tre occasioni – ha dichiarato al quotidiano La Prensa – di nominare Lavitola console onorario di Panama a Roma”. Un rifiuto che Varela avrebbe opposto non soltanto al suo presidente, Riccardo Martinelli, ma anche al nostro ex ministro degli Esteri, Franco Frattini: “L’ultima volta – continua Varela – mi sono opposto quando sono stato a Roma, per la beatificazione di Giovanni Paolo II, e l’ho comunicato sia a Martinelli, sia a Frattini”.

Dichiarazioni che confermano la stretta vicinanza di Lavitola con il governo panamense, oltre che il governo italiano e aumentano l’imbarazzo di Martinelli per le sospette tangenti sulle commesse di Finmeccanica, chiuse proprio per mezzo di Lavitola che, per il colosso dell’industria italiana era stato assunto come consulente. I conti dell’operazione, però, adesso non tornano più. Ed è proprio un ministro in carica a dichiararlo: “Non è escluso – ha detto Frank De Lima – che qualcuno abbia commesso un errore nel cambio di moneta. La transazione è di 185 milioni di euro, pari a 252 milioni di dollari”. Fino a poco fa, la cifra ufficiale era di 333 milioni. E non si tratta dell’unica cifra a insospettire i panamensi. Due settimane fa, il deputato panamense Jorge Alberto Rosas, ha scoperto una netta differenza nei costi, per gli stessi radar, rispetto a Turchia e Yemen: “Ci sono significative differenze tra i prezzi dei radar acquistati dalla Turchia e dallo Yemen: 25 milioni per la Turchia, secondo il comunicato stampa di Selex, per 24 radar Lyra 50. E 20 milioni di euro, per 12 Lyra 50, in Yemen”. A quanto pare, per Panama, non è stato un grosso affare: “La Repubblica di Panama – conclude Rosas – ha acquistato 19 Lyra 50 per 90 milioni di euro. Abbiamo richiesto che il ministro della Sicurezza nazionale spieghi le ragioni di una tale discrepanza nei prezzi”. E anche il Partito rivoluzionario democratico (Prd), che siede nei banchi dell’opposizione, ora chiede un’inchiesta d’ufficio. La commessa di Finmeccanica, chiusa per il tramite di Lavitola, sta mettendo in fibrillazione l’intera politica panamense.

E il governo del premier Martinelli si difende: il ministro del Territorio, Jose Domingo Arias, ieri ha dichiarato che “sul contratto firmato a Panama non ci sono indizi di corruzione”. Lo scontro più duro, però, è quello tra Martinelli e Juan Carlos Varela, che prima di essere destituito il 30 agosto dal suo incarico di ministro degli Esteri, era uno stretto alleato del presidente panamense. Ieri ha dichiarato di essersi opposto alla nomina di Lavitola, come console onorario di Panama a Roma, ma due giorni fa è andato oltre: ha chiesto la cancellazione del contratto con Finmeccanica. E ha invitato la Procura a indagare su una presunta lesione patrimoniale. Martinelli ha replicato su twitter. Con una dichiarazione velenosa: Varela in occasione della firma era al mio fianco. E Varela ha puntualmente negato. Se non bastasse, i panamensi stanno scoprendo soltanto ora quanto siano stretti i legami tra Martinelli e Lavitola, visto che i giornalisti di Tvn Noticias, proprio in questi giorni, hanno annunciato di aver visionato alcuni messaggi di posta elettronica, che confermano lo stretto legame tra i due. Non solo. Tvn Noticias ha rivelato che Lavitola, a Panama, usufruisce dei servizi di un autista ben noto al governo: Dioniso Mendieta, agente del servizio di Protezione istituzionale, che gli sarebbe stato assegnato direttamente dal segretario privato del Presidente, Adolfo de Obarrio.

E se a Panama il clima si surriscalda, in Italia, le cose non vanno meglio: Manlio Fiore e Marco Iannilli, arrestati il 19 novembre per l’inchiesta sugli appalti Enav, restano nel carcere di Regina Coeli. Il Tribunale del Riesame ha respinto la richiesta avanzata dai loro difensori di essere scarcerati o di ottenere i domiciliari. È stato proprio Iannilli, in più occasioni, a spiegare che non soltanto Fin-meccanica condizionava le nomine dei componenti del cda di Enav, attraverso l’ex direttore centrale Lorenzo Borgogni, ma una serie di lavori affidati alla Selex – società del gruppo Finmeccanica – non furono eseguiti, ma pagati con una falsa fatturazione pari a 800 mila euro.

da Il Fatto Quotidiano del 4 dicembre 2011

Condividi:

Commenta

 caratteri disponibili su 2000

Inviando questo form dichiari di aver preso visione e di accettare i termini e condizioni di utilizzo di questo sito.

Per mantenere un livello civile della conversazione, verranno eliminati tutti i commenti che contengono: turpiloquio, offese, violazioni della privacy, off topic, istigazioni alla violenza o al razzismo, minacce ecc. Gli utenti che violeranno ripetutamente la nostra policy verranno bloccati/bannati. I post non sono moderati dagli autori ma da una redazione dedicata.

  1. Maria Colucci scrive:

    Ecco dove sono finiti i nostri soldi: è l’ex governo che ce li ha mangiati. E ora la manovra a chi chiede i soldi? sempre a noi poveretti che paghiamo sempre alla faccia della giustizia e dell’ equità.Ma la corruzione non si riesce proprio ad abbatterla? Possibile che dobbiamo sopportare queste ingiustizie? Quel ladrone di Lavitola e i suoi amichetti non pagano mai. Ma che razza di giustizia è questa?

  2. aquilavr scrive:

    IN GALERA E SUBITO QUESTI LADRI E CORROTTI !!!!!

    IN GALERA ANCHE I GIUDICI CORROTTI !!!! (SONO DIVENTATI UN ESERCITO PURTROPPO) …. CHE VERGOGNA DELLE VERGOGNE.

    FORZA NAPOLITANO FAI QUALCOSA, CERCA DI SALVARE LA GIUSTIZIA.

  3. goodman scrive:

    Lavitola e Berlusconi, Guarguaglini e sua moglie…le coppie più belle del mondo!

  4. holz scrive:

    va a finire che lo arrestano a Panama e se lo tengono

  5. mi chiedo perchè i soldi rubati non devono rientrare nelle casse dello stato perchè alla mafia si sequestrano i beni ai politici no perchè un dirigente di una ditta dopo aver rubato lo si liquida daldogli pure altri soldi enon essere accompagnato nelle partie galere ai lavori forzati a vita

    • Gigi1942 scrive:

      Dopo aver distrutto un paese(al posto di un bel calcio nel sedere) gli diamo pure un premio. Queste cose capitano soltanto nella nostra Italia,è veramente vergognoso.

  6. gavignano scrive:

    SE SOLO TOLGONO DI MEZZO TUTTI STI PARASSITI SIAMO SALVI

  7. Elisai scrive:

    Ecco caro Monti, finchè ci sarà questa papponeria italiana dei grandi affaristi sostenuti od intrallazzati con i politici, ove i grossi capitali e mazzette girano indisturbati, mentre si regolano a poche centinaia di euro i trasferimenti e pagamenti in contanti della gente comune da proprio l’esatto significato di ciò si che vuol fare realment per l’Italia: niente od il contrario del ragionevole.

  8. emilio scrive:

    e al povero guarguaglini solo 5 milioni e mezzo di euro! Ma che razza di mondo è questo??

Ultime notizie dalle sezioni

Blog

‘A67 , Fulvio Abbate, Mario Agostinelli, Giorgio Airaudo, Sonia Alfano, Francesco Aliberti, Fabio Amato, Dino Amenduni, Ludovica Amici, Sandra Amurri, Marcello Andreozzi, Manuel Anselmi, Andrea Aparo, Andrea Arata, Gianluca Arcopinto, Antonio Armano, Evy Arnesano, Cecilia Attanasio Ghezzi, Giovanni Avena, Natalino Balasso, Bruno Ballardini, Alessandra Ballerini, Fabio Balocco, Gianni Barbacetto, Mauro Barberis, Ivana Bartoletti, Francesca Barzini, Franco Bassi, Elisa Battistini, Oliviero Beha, Enrico Beltramini, Paolo Berdini, Debora Billi, Michele Boldrin, Paolo Bolognesi, Maria Bonafede, Stefano Bonaga & Giancarlo Vitali Ambrogio, Beatrice Borromeo, Salvatore Borsellino, Matteo Bosco Bortolaso, Marina Boscaino, Marco Boschini, Dario Bressanini, Vanna Brocca, Giampiero Calapà, Salvatore Cannavò, Cecilia Canziani, Nicolò Carnimeo, Casa della Poesia, Lisa Casali, Sergio Caserta, Luciano Casolari, Francesco Cataluccio e Andrea Di Stefano , Giulio Cavalli, Massimo Cavallini, Matteo Cavezzali, Caterina Cavina, Maurizio Cecconi, Maurizio Cevenini, Riccardo Chiaberge, Adele Chiagano, Marco Chiani, Maurizio Chierici, Giulietto Chiesa, Ivan Cicconi, Fabio Ciconte, Mariano Cirino, Stefano Citati, Francesca Coin, Giampaolo Colletti, Furio Colombo, Federica Colonna, Alex Corlazzoli, Carlo Cornaglia, Stefano Corradino, Pino Corrias, Giancarlo Costa, Mario Cotelli, Roberta Covelli, Franca D'Agostini, Nando dalla Chiesa, Andrea D'Ambra, Paolo Flores d'Arcais, Pietro De Angelis, Luca De Carolis, Vincenzo De Cecco & Riccardo Cremona, Lorenzo De Cicco, Ivan Cicconi, Domenico De Felice, Michele de Gennaro, Luigi De Magistris, Titti De Simone, Tana de Zulueta, Eduardo Di Blasi, Donato Didonna, Enzo Di Frenna, Barbara Di Fresco, Silvio Di Giorgio, Rita Di Giovacchino, Fabio Di Iorio, Massimo Donadi, Silvia D’Onghia, Michele Dotti, Michele Emiliano, Federica Fabbretti e Martina Di Gianfelice , Luca Faccio, Alessandra Faiella, Federico Faloppa, Paolo Farinella, Claudio Fava, Giovanni Favia, Ali Baba Faye, Lorenzo Fazio, Stefano Feltri, Silvia Ferrara, Andrea Ferrari, Marco Albino Ferrari, Alessandro Ferretti, Alessandro Ferrucci, Enrico Fierro, Marco Filoni, Diego Finelli, Massimo Fini, Domenico Finiguerra, Luca Fiorini, Paolo Flores d'Arcais, Jacopo Fo, Gianluca Foglia, Corrado Formigli, Emanuele Fucecchi, Luigi Furini, FQ Londra, FQParigi , Giovanna Gabrielli, Vania Lucia Gaito, Valeria Gandus, Enrica Garzilli, Sciltian Gastaldi, Daniela Gaudenzi, PierGiorgio Gawronski, Gioacchino Genchi, Vladimiro Giacché, Valentina Giannella, Fabiana Gianni, Giuliano Girlando, Beppe Giulietti, Iside Gjergji, Peter Gomez, Giampiero Gramaglia, Fabio Granata, Giancarlo Granero, Greenpeace , Teresa Guccini, Rita Guma, Guido Harari, Paolo Hutter, Domenico Iannacone, Marco Imperato, Giulia Innocenzi, Italiadallestero , Vincenzo Iurillo, Valerio Jalongo, Anna Jannello, Kerry Kennedy, Elena Kokkinomagoulos, Peter Kruger, Fulvia Lakovic, Angela Lamboglia, David Lane, Luciano Lanza, Lavoce.info , Riccardo Lenzi, Alessio Liberati, Orazio Licandro, Marco Lillo, Felice Lima, Emiliano Liuzzi, Beppe Lopez, Cosimo Loré, Daria Lucca, Andrea Luciano, Eva Macali, Vittorio Malagutti, Olivier Manchion, Sergio Mancinelli, Debora Mancini, Diego Marani, Fabio Marcelli, Ivano Marescotti, Wanda Marra, Edoardo Marraffa, Giuliano Marrucci, Gianni Marsilli, Leonardo Martinelli, Antonella Mascali, Gianfranco Mascia, Danilo Masotti, Antonio Massari, Trarco Mavaglio, Gian Luca Mazzella, Loris Mazzetti, Marcello Adriano Mazzola, Lorenzo Mazzoni, Mauro Meggiolaro, Giorgio Meletti, Melissa P., Federico Mello, Massimo Merighi & Tony Troja, Claudio Messora, Matteo Mingazzini, Minzoparade , Francesca Moccia, Paolo Mondani, Angela Napoli, Mario Natangelo, Antonio Nicita, Sara Nicoli, Noisefromamerika, Giuseppe Notarbartolo di Sciara, Paolo Nori, Fabio Novembre, Felice Occhigrossi, Paolo Ojetti, Marco Onado, Alessandro Oppes, Flavio Oreglio, Gloria Origgi, Riccardo Orioles, Antonio Padellaro, Maurizio Pallante e Andrea Bertaglio , Riccardo Pangallo, Chiara Paolin, Vittorio Pasteris, Layla Pavone, Pierfranco Pellizzetti, John Perkins, David Perluigi, Caterina Perniconi, Simone Perotti, Pino Petruzzelli, Fabio Picchi, Giuseppe Pipitone, Marco Pipitone, Januaria Piromallo & Marika Borrelli, Marco Politi, Andrea Pomella, Marco Ponti, Federico Pontiggia, Giorgio Porrà, Augusto Pozzoli, Alberto Puliafito, Saverio Raimondo, Franca Rame, Lidia Ravera, Ranieri Razzante, Elisabetta Reguitti, Rete 29 Aprile, Piero Ricca, Aldo Ricci, Donata Righetti, Valentina Rinaldi, Pasquale Rinaldis, David Riondino, Riccardo Rita, Domenico Valter Rizzo, Filippo Rossi, Raphael Rossi, Lele Rozza, Gisella Ruccia, Sandro Ruotolo, Pippo Russo, Amer Al Sabaileh, Achille Saletti, Ernesto Salvi, Mauro Sandrini, San Precario, Ferruccio Sansa, Francesca Sanzo, Fabio Scacciavillani, Luciano Scalettari, Andrea Scanzi, Giovanni Scardovi, Barbara Schiavulli, Beppe Scienza, Guido Scorza, Segnalati dalla Rete, Roberto Serra, Debora Serracchiani, Alessandra Sestito, Leo Sisti, Cristina Sivieri Tagliabue, Tommaso Sodano, Caterina Soffici, Stefano Soranna, Mario Staderini, Bebo Storti, Strozzateci Tutti, Simone Strozzi, Francesco Sylos Labini, Ines Tabusso, Carlo Tecce, Luca Telese, Tommaso Tessarolo, Bruno Tinti, Roberta Torre, Maurizio Torrealta, Flavio Tranquillo, Marco Travaglio, Sandro Trento, Silvia Truzzi, Davide Turrini, Andrea Valdambrini, Elena Valdini, Piero Valesio, Francesco Vatalaro, Gianni Vattimo, Davide Vecchi, Eleonora Voltolina, Franco Vespignani & Eleonora Farneti, Marco Vicari, Maurizio Viroli, Ascanio Vitale, Angela Vitaliano, Matteo Winkler, Benedetto Zacchiroli, Lorella Zanardo, Paola Zanca, Damiano Zito

Notizie

Ambiente & Veleni, Cervelli in fuga, Cronaca, Diritti, Documentati!, Economia & Lobby, Giustizia & impunità, Lavoro & precari, Media & regime, Misfatto, Mondo, Piacere quotidiano, Politica & Palazzo, Saturno, Scuola, Società, Sport & miliardi, Tecno, Terza pagina

Seguiteci

Feed RSS, Newsletter, Abbonati ora!

Facebook, Twitter, Feedfriend, Youtube, Flickr

Pubblicità

Per la pubblicità sul sito contattare

www.ilfattoquotidiano.it | Server Dedicato Level iP | Editoriale il Fatto S.p.A. C.F. e P.IVA 10460121006 | Termini e condizioni di utilizzo