Archaeogate, Il Portale Italiano di Archeologia - Ritorna alla home pageArchaeogate - EGITTOLOGIAhome EGITTOLOGIA



Cerca in ArchaeogateCerca nel sito:     

Nuove scoperte archeologiche nell'area delle Piramidi di Abusir - di Miroslav Verner, Praga / New Archaeological Discoveries in the Abusir Pyramid Field - by Miroslav Verner, Praga

La via sacra di Sahura / Sahure's causeway

In conclusione, vorrei informare brevemente circa le stupefacenti scoperte fatte ad Abusir da archeologi egiziani. Nel mezzo degli anni 1990 Zahi Hawass cominciò, quale parte di un progetto di restauro, a pulire i resti della via sacra nel complesso della piramide di Sahura. Assai presto, la macchina che spostava masse di sabbia urtò un grande blocco di calcare coperto di scene ed iscrizioni in un elegante bassorilievo. Il lavoro per mezzo della maccina fu fermato immediatamente ed una squadra di archeologi, diretta prima da Zahi Hawass ed in seguito dal suo assistente Tarek el-Awadi, cominciò ad investigare attentamente la zona attorno alla via sacra. La scoperta del blocco fu una grande sorpresa perché a quel tempo prevaleva l'opinione che la via sacra fosse già stata scavata da L. Borchardt. Il lavoro attorno alla via sacra continua e finora sono apparsi tredici blocchi dalla parte superiore della via sacra, decorati con iscrizioni e scene di grande valore storico ed artistico. Alcune scene ed iscrizioni sono già state pubblicate, per esempio i beduini emaciati, le scene di sport, il traino di un piramidion, le scene d'offerta, ecc. Tutte le iscrizioni e scene finora scoperte saranno pubblicate in due monopgrafie nel prossimo futuro, una da Tarek el-Awadi e l'altra da Mohammad Ismail – entrambi ora miei allievi progrediti.
Con il permesso dei due colleghi egiziani citati, posso informare che tra le scene ancora inedite ci sono lunghe liste dei domini funerari di Sahura nell'Alto e nel Basso Egitto, il ritorno di una spedizione da Punt, Sahura che pesca nel Nilo, ecc. Di speciale importanza storica è una scena della famiglia di Sahura che circonda il re nel giardino del suo palazzo Wtjs-nfrw-Sahw-ra "La perfezione di Sahura è esaltata". La scena conferma definitivamente che la consorte di Sahura era la regina Neferetnebti e sua madre la sposa di Userkaf Neferhetepes. Un posto in vista tra i membri della famiglia di Sahura occupano i suoi due figli maggiori, Ranefer et Netjerirenra. Ranefer è raffigurato più vicino al re ed oltre al suo titolo di "figlio del re" porta anche il titolo di "sacerdote lettore capo". Tarek el-Awadi pensa che i due principi fossero gemelli di cui Ranefer fu partorito prima e, di conseguenza, acquistò pure una posizione sociale più elevata. Dopo la morte di Sahura, Ranefer ascese al trono con il nome di Neferirkara. L'ipotesi di Tarek el-Awadi è plausibile e pare offrire una soluzione aparecchie questioni intricate della genealogia della V dinastia. Mostra che il racconto del papiro Westcar sulla nascita divina dei primi tre re della V dinastia potrebbe essere stato un lontano riflesso di un reale evento storico. Esso mostra anche che il nome Ranefer era popolare nella famiglia di Neferirkara e che sia Neferirkara sia suo figlio Raneferef portarono quel nome prima della loro accessione al trono. Infine la scena citata e la sua interpretazione da parte di Tarek el-Awadi aiutano a capire meglio l'alto apprezzamento sociale e la funzione della regina Khentkaus II dopo l'inattesa prematura morte del suo figlio maggiore Raneferef. Potrebbe essere stato proprio in quel tempo che Shepseskara, possibilmente Netjerirenra – il secondo figlio maggiore di Sahura, reclamò il trono e solo l'autorità della madre del re Khentkaus aiutò il suo figlio più giovane Niuserra a salire sul trono.


In conclusion, allow me to inform you briefly about the astounding discoveries made in Abusir by Egyptian archaeologists. In the mid 1990s, Zahi Hawass began, as a part of a reconstruction project, to clean the remains of the causeway in Sahure's pyramid complex. Very soon, the loader removing masses of sand hit a big limestone block covered with scenes and inscriptions in fine low relief. The work by means of the loader was immediately stopped and a team of archaeologists, directed at first by Zahi Hawass and subsequently by his assistant Tarek el-Awadi, began to examine carefully the area around the causeway. The discovery of the block was a great surprise because by that time an opinion prevailed that the causeway had already been excavated by L. Borchardt. The work around the causeway goes on and so far 13 blocks from the upper part of the causeway decorated with historically and artistically invaluable inscriptions and scenes. Some of the scenes and inscriptions have already been published, for instance the emaciated beduins, the sport scenes, the dragging of a pyramidion, the offering scenes, etc. All the hitherto discovered inscriptions and scenes will be published in two monographs in the near future, one by Tarek el-Awadi and the second by Mohammad Ismail – both of them now my post-graduate students.
With the permission of the two cited Egyptian colleagues, let me inform you that among the so far unpublished scenes are long lists of Sahure's funerary domains in Upper and Lower Egypt, the return of an expedition from Punt, Sahure treating palm trees imported from Punt, Sahure fishing in the Nile, etc. Of a special historical importance is a scene of Sahure's family surrounding the king in the garden of his palace Wtjs-nfrw-Sahw-ra "Extolled-is-Sahure's-beauty". The scene definitely confirms that Sahure's consort was queen Neferetnebty and his mother Userkaf's consort Neferhetepes. A foremost place among the members of Sahure's family occupy his two eldest sons, Ranefer and Netjerirenre. Ranefer is represented closer to the king and in addition to his title "king's son" he also bears the title "chief lector-priest". Tarek el-Awady assumes that the two princes were twins from whom Ranefer was delivered first and, consequently, he also acquired a higher social position. After Sahure's death, Ranefer then ascended to the throne under the name Neferirkare. Tarek el-Awady's hypothesis is plausible and appears to offer a clue to several intriguing problems of the Fifth Dynasty genealogy. It indicates that the story of the papyrus Westcar about the divine birth of the first three kings of the Fifth Dynasty might have been a distant reflection of a real historical event. It also shows that the name Ranefer was popular in Neferirkare's family and that both Neferirkare and his son Raneferef bore the name before their accession to the throne. Finally, the cited scene and its interpretation by Tarek el-Awady helps us better understand the high social esteem and the role of queen Khentkaus II after the unexpectedly early death of her elder son Raneferef. It might have been just at this time that Shepseskare, possibly Netjerirenre – the second eldest son of Sahure, claimed the throne and only the authority of the royal mother Khentkaus helped her younger son Niuserre ascend to the throne.

[1]    «    6  |  7  |  8  |  9  |  10    »    [10]





Cliccare sull'immagine per l'ingrandimento

Convegno "Costruire le piramidi" - Politecnico di Torino, 24 maggio 2006
Convegno "Costruire le piramidi" - Politecnico di Torino, 24 maggio 2006

Il sito di Abusir
Il sito di Abusir

La piramide di Sahura
La piramide di Sahura

Il Prof. Miroslav Verner
Il Prof. Miroslav Verner