Teodoro di Mopsuestia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – "Teodoro d'Antiochia" rimanda qui. Se stai cercando l'omonimo intellettuale della corte di Federico II di Svevia, vedi Teodoro d'Antiochia.

Teodoro di Mopsuestia, o Teodoro di Antiochia (Antiochia, 350 circa – Mopsuestia [1], 428), è stato un vescovo e teologo greco antico, vescovo di Mopsuestia[1] dal 392 al 428.

Insieme a Diodoro di Tarso è stato il vero padre del duofisismo.

È il più noto tra i rappresentanti della scuola degli ermeneutici di Antiochia.

Fu probabilmente allievo del retore e filosofo siriano Libanio. Entrato nella comunità monastica di Diodoro di Tarso da giovane, ne uscì presto in seguito ad una crisi di fede. Fu convinto a ritornarvi da due lettere di Giovanni Crisostomo, A Teodoro caduto.

Venne condannato come eretico da Giustiniano nel 545 assieme a Teodoreto di Cirro e Iba di Edessa durante lo Scisma tricapitolino.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Città anatolica che successivamente declinò nel villaggio di Yakapinar.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 38327704 LCCN: n84200019