Disibodo d'Irlanda

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
San Disibodo d'Irlanda
St. Disibod, Ausschnitt.jpg
Monaco e vescovo
Nascita 619
Morte 700
Venerato da Chiesa cattolica
Ricorrenza 8 luglio

Disibodo d'Irlanda, in lingua inglese Disibod (Irlanda, 619Renania, 700), fu un monaco irlandese trasferitosi in Renania ove fondò un monastero e divenne corepiscopo.[1] È venerato come santo dalla Chiesa cattolica.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Il suo nome compare per la prima volta nel Martirologium del IX secolo scritto da Rabano Mauro. Ildegarda di Bingen scrisse, verso il 1170 la Vita Sancti Disibodi.[2]

Secondo quest'ultima opera[3] Disibodo arrivò nel Regno franco nel 640 come missionario, accompagnato dai discepoli Giswald, Clemens e Sallust. Essi furono attivi nei Vosgi e nelle Ardenne finché, guidati da una visione onirica, costruirono alcune celle alla confluenza dei fiumi Nahe e del su affluente Glan, luogo ove Disibodo fonderà l'Abbazia di Disibodenberg.[4]

Culto[modifica | modifica wikitesto]

Venerato come santo, la sua Memoria liturgica cade l'8 luglio.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Santi e beati, san Disibodo
  2. ^ Compresa in Throop, trans., Three Lives and a Rule, Charlotte, VT: MedievalMS, 2010.
  3. ^ Friedrich Wilhelm Bautz considera tale opera non significativa da un punto di vista storico (Friedrich Wilhelm Bautz, Disibod, Heiliger, Biographisch-Bibliographisches Kirchenlexikon, spalten 1330-1331, Hamm, 1975, ISBN 3-88309-013-1 in linea
  4. ^ Allora nel territorio della diocesi di Magonza, oggi in quella di Spira

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Ildegarda di Bingen, (LA) Vita S. Disibodi, in: Opera omnia (Patrologia Latina 197), di Charles Victor Daremberg, Friedrich Anton Reuß e Jacques Paul Migne, Paris, Garnier Frères, 1882, S. 1095-1116; (DE) Lebensbeschreibung des Heiligen Disibod, Bischof und Bekenner in Dysemberg, Bistum Mainz, Deutschland, niedergeschrieben von der Heiligen Hildegard (Sponheim-Hefte 42), trad. Alfred Schwab, s.l. [Burgsponheim] 2009
  • (FR) Louis Gougaud, Les chrétientés celtiques, Paris, Gabalda, 1911, p. 80 Disibod Les chrétientés celtiques]
  • (FR) Régine Pernoud, Les Saints au Moyen Âge - La sainteté d’hier est-elle pour aujourd’hui ? , Paris, Plon, 1984, p. 158

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

San Disibodo in Santi, beati e testimoni - Enciclopedia dei santi, santiebeati.it.

Controllo di autorità VIAF: (EN19455424 · LCCN: (ENno2007050413 · GND: (DE140306668