☆ Autolesionistяa
RSS | Archivio | Perché | Domande

About

del farsi malissimo a sinistra

-
per domande o insulti vai qui
-
inviate la posta del cuore
(che risaputamente sta a sinistra)
a autolesionistra [AT] gmail.com

22 Ottobre 19
colibri44love:
“ PEDOFILIA E FASCISMO.
“Ho avuto uno zio fascista che fece la guerra in Eritrea…con perfido orgoglio, quando ero appena undicenne, un giorno mi mostro delle fo…tografie della grandezza di pochi centimetri quadrati ( come un grande...

colibri44love:

PEDOFILIA E FASCISMO.
“Ho avuto uno zio fascista che fece la guerra in Eritrea…con perfido orgoglio, quando ero appena undicenne, un giorno mi mostro delle fo…tografie della grandezza di pochi centimetri quadrati ( come un grande francobollo) che lo ritraeva  mentre lui poggiava i suoi piedi sui cadaveri di africani uccisi oppure con ragazzine nere che lui “utilizzava”… cit Franco Ciro Lo Re.
Si scrive “madamato”, ma si legge “stupro legalizzato”. Un termine usato nelle ex-colonie italiane, prima in Eritrea e successivamente anche nelle altre colonie, Libia e Somalia. Mussolini col “madamato” permetteva a tutti i fascisti la propria bambina (7-8-9-10-11 anni) dentro il letto. Non solo ai militari, ma anche ai civili. Credo sia ovvio che solo un pervertito pedofilo può permettere tale scempio, una persona normale non la penserebbe nemmeno una schifezza del genere. Tra ‘altro sono tante le testimonianze di presunti stupri ai danni di ragazzine che hanno avuto la sfortuna di incontrare Mussolini.
Ecco ciò che scriveva in Italia la propaganda fascista nelle sue riviste e nei suoi quotidiani: “Non si sarà mai dominatori, se non avremo la coscienza esatta di una nostra fatale superiorità. Con i negri non si fraternizza, non si può e non si deve”.
Il madamato, oltre alla schiavitù sessuale produsse un'altra atrocità, non secondaria, i bambini nati da questi abusi. Il fenomeno portò alla nascita e al lor contestuale abbandono di migliaia di figli “meticci” non riconosciuti dal padre la cui unica sorte era quella di essere abbandonati. Oltre a Mussolini, un personaggio italiano famoso, Indro Montanelli, “confessò” in un'intervista del 1982 (la trovate su youtube) di aver avuto, grazie al madamato, una bambina di 11 anni e mezzo nel proprio letto, si chiamava Fatima e la definiva “un animalino docile”. Il madamato segnava il dominio autoritario e assoluto del colonizzatore sull'indigeno, dell'uomo sulla donna, dell'adulto sul bambino, del libero sul prigioniero, del ricco sul povero, del forte sul debole. Il madamato fu abolito dagli stessi, anni dopo, per lo scandalo che si innalzava viste, oltre le morti delle bambine a causa delle violenze sessuali, anche quelle per complicazioni durante e dopo le gravidanze.
La gente sul fascismo sa ancora ben poco e, i fascisti non leggono, non leggeranno tutto l'articolo, quelli non hanno cultura nè coscienza ed inizieranno ad insultare. Molti credono ancora “ai treni arrivati in orario” e altre idiozie diffuse da questa gentaglia. Sul madamato potete documentarvi quanto volete, sbaglierete se cercherete informazioni su blog e pagine fasciste, ma sarà facile trovare l'intervista di Montanelli e documenti a riguardo in rete.
Potrete capire chi avrete difronte quando cercheranno di insabbiare questa triste e amara storia.

Se avete letto tutto complimenti per continuare ad essere persone che cercano di andare oltre il semplice slogan.
(grazie Antonella Rapari)

Trattasi di italica tradizione coloniale tramandata da tempi immemori:

In questo oceano di dolore ci restavano ancora dei fanciulli e fanciulle che attraverso a tanta calamità serbavano ancora intatte le sembianze dell'innocenza e le forme purissime della verginità; e ciò aveva eccitato la voluttà bestiale degli uomini bianchi, i quali accorrevano giù, annusando l’aria come jene assetate di strage, e là con un soldo o una crosta di pane facevano scempio di quelle povere innocenti creature abbandonate dall’umanità e da dio! […]

La fama che in codesto campo di morte ci fossero delle bellezze nascoste andò propagandosi dovunque, e così verso sera specialmente scendevano là a frotte gli uomini civili, gli avvoltoi bianchi in cerca di preda, in cerca di carne tenera da vituperare.
Fra i tanti dolorosi casi osservati da me, eccone uno. Una volta vidi in pieno giorno un sottufficiale trombettiere curvo, come una bestia in calore, sopra un bimbo di circa otto anni, malaticcio, che non aveva altro che la pelle e ossa, che lo stuprava…
Dopo un po’ di tempo su quell’arena infuocata, imbevuta d’infamie, di vermi e di sangue, sorgeva un villaggio, che per i varii oggetti adoperati a costruirlo era di aspetto miserabilissimo, il quale venne battezzato da un muratore torinese, certo Miroglio […] per Meschinopoli; e per parecchi anni lo si chiamò con questo nome.

Da: Tertulliano Gandolfi, I misteri dell’Africa italiana, 1910
(poi continua, ma è per stomaci ancora più forti)

Reblogged: mangorosa

  1. tantumpluvia ha rebloggato questo post da whysens
  2. siddarthhhh ha rebloggato questo post da mangorosa e ha aggiunto:
    ..Bestie…mio padre i fascisti e nazisti li chiamava così…purtroppo c'è ancora gente che non conosce realmente la...
  3. doraolunar ha rebloggato questo post da colibri44love
  4. a1rali ha rebloggato questo post da autolesionistra
  5. friendlyneighborhoodwhitemage ha rebloggato questo post da autolesionistra
  6. aculofan ha rebloggato questo post da b0ringasfuck
  7. b0ringasfuck ha rebloggato questo post da autolesionistra
  8. autolesionistra ha rebloggato questo post da mangorosa e ha aggiunto:
    Da: Tertulliano Gandolfi, I misteri dell’Africa italiana, 1910 (poi continua, ma è per stomaci ancora più forti)
  9. captain-cristina ha rebloggato questo post da mangorosa
  10. mangorosa ha rebloggato questo post da colibri44love
  11. postato da colibri44love
Themed by Hunson. Originally by Josh