PEKKA POHJOLA - monografia

 

PEKKA POHJOLA - FINLANDIA
Pekka Pohjola, classe 1952, è uno dei più grandi compositori moderni; di nazionalità finlandese non è molto conosciuto qui in Italia ma negli Stati Uniti e in Giappone è considerato una vera e propria leggenda umana della musica europea (Frank Zappa era uno dei suoi fans più noti). E' apprezzato anche come bassista, già dall'epoca in cui suonava questo strumento nei Wigwam, una delle più famose rock band scandinave degli anni '70. Durante i primo anni di quel decennio Pekka azzardò, parallelamente all'esperienza con i Wigwam, la strada del solismo creativo. L'importante Love Records accettò di produrre e stampare il suo primo disco nel 1972, per la stessa casa discografica finlandese Pekka registrò un totale di tre album in cinque anni, quella che ancora oggi rappresenta la sua geniale trilogia e contemporaneamente l'ottima base di partenza per scoprire questo atipico musicista/compositore e la sua stupenda creatività. Durante i primi anni '80 decise poi di avviare una sua personale etichetta discografica, grazie alla quale pubblicò fino ai giorni nostri altri 8 lavori veramente notevoli. La discografia completa si compone comunque di 15 dischi solisti che vedremo di seguito nel dettaglio; la sua musica spazia dal free-jazz al rock progressivo, dalla musica strumentale alla fusion, senza mai scadere in banalità di sorta alcuna. Si tenga anche presente che nel corso degli anni questo artista si circondò del fior fiore della bravura esecutiva, collaborando e facendosi aiutare da importanti musicisti non soltanto finlandesi, alternandosi esso stesso al basso elettrico, suo strumento prediletto, e alle tastiere, dimostrando una padronanza esecutiva e uno stile inconfondibile.


 

PIHKASILMÄ KAARNAKORVA (1972)



TRACKS:
1. Metsonpeliä
(suite)
2. Virtojen kiharat
3. Armoton idylli
4. Nipistys
5. Valittaja
(suite)

CREDITS:
Music & Arrangements: Pekka Pohjola
Risto Pensola: clarinet
Pekka Pöyry: soprano sax., flute
Reino Laine: drums
Jukka Gustavson: Organ, piano in "Nipistys"
Pekka Pohjola: bass, piano, violins, final organ in "Valittaja"

Engineers: Kari Tamminen, Antti Joki, Erkki Hyvönen
Supervisor: Måns Groundstroem
Recorded at Finnvox Studios, Helsinki Autumn 1972
Designer: Mats Huldén
Photo by Soundi Magazine

NOTE:
Dopo gli studi classici al conservatorio accademico "Sibelius" di Helsinki, il giovane Pekka Pohjola si gettò a capofitto nel mondo musicale moderno suonando il basso elettrico per i Wigwam dal 1970 al 1974. La nota band finlandese spopolò non soltanto in patria ma anche nel Regno Unito dove venne proposta al pubblico dalla gloriosa Virgin Records. Il primo contatto tra gli appassionati di rock e jazz inglesi e il musicista in questione avvenne quindi tramite gli album dei Wigwam; parallelamente all'esperienza di gruppo, il giovane Pekka si dedicò alla stesura del suo primo capolavoro solista. L'album del debutto è chiaramente rivolto al rock progressivo anche se, in tutti e cinque i brani strumentali, una sottile vena jazz traspare costantemente. Alle registrazioni di Pihkasilmä Kaarnakorva, pubblicato dalla Love Records nel 1972, partecipò tra gli altri il bravissimo tastierista dei Wigwam, Jukka Gustavson. Pekka si fece accompagnare anche da Risto Pensola e Pekka Pöyry ai fiati (flauto, sassofono e clarinetto) e Reino Laine alla batteria; il basso elettrico, il pianoforte e il violino vennero invece suonati in maniera magistrale dal compositore. Tra le intriganti melodie di Metsonpeliä e di Armoton Idilli, si possono scorgere chiari riferimenti al Canterbury Sound mentre per il resto, un rock sinfonico ispirato fa da cornice alle splendide melodie di Valittaja e Virtojen Kiharat. Pihkasilmä Kaarnakorva è sicuramente uno dei migliori dischi di rock progressivo dei primissimi anni '70, contiene della musica complessa ed affascinate e possiede una bellissima copertina; impedibile quindi per tutti gli appassionati di questo genere.


Original edition
1972 PIHKASILMÄ KAARNAKORVA - Vinyl Album (Love Records) lrlp 71
CD reissue
2002 PIHKASILMÄ KAARNAKORVA - CD Album (Love Records) lrcd 71


 

HARAKKA BIALOIPOKKU (1974)



TRACKS:
1. Alku (The Beginning)
2. Ensimmäinen aamu (The First Morning)
3. Huono sää / Se tanssii... (Bad Weather / Bialoipokku Dances…)
4. ... ja näkee unta (Bialoipokku's War Dream)
5. Hereilläkin uni jatkuu (Bialoipokku's War)
6. Sekoilu seestyy (The Madness Subsides)
7. Elämä jatkuu (Life Goes On)

CREDITS:
Pekka Pohjola - bass and piano
Tomi Parkkonen - drum and percussion
Eero Koivistoinen - soprano, sopranino and tenor sax.
Pekka Pöyry - alto and soprano sax.
Paroni Paakkunainen - alto and baritone sax. And piccolo
Bertil Löfgren - trumpet on "Ensimmäinen aamu"
Coste Apretea - guitar

Produced by Måns Groundstroem
Engineered by Leif Måses
Recorded at Marcus Music Studio, Stockholn Autumn 1974
Cover by Stan Shingler
Photo by Jorma Auersalo

NOTE:
Harakka Bialoipokku venne pubblicato in Finlandia dalla Love Records e in Inghilterra dalla Virgin ma con un titolo diverso; infatti questo disco è conosciuto maggiormente come B The Magpie. Alla sua uscita discografica, nel 1974, ottenne delle lusinghiere recensioni sulla stampa specializzata, specialmente nel Melody Maker che parlò in maniera entusiasmante di questa nuova musica e del suo creatore proveniente dal misterioso Nord Europa. Molti appassionati inglesi ed americani, dopo aver ascoltato B The Magpie corsero a procurarsi una copia dell'album precedente "Pihkasilmä Kaarnakorva", spesso senza riuscirvi vista la difficoltà ad ottenere stampe d'importazione dal continente scandinavo. Con questa seconda pubblicazione, Pekka Pohjola si stabilizzò definitivamente nell'olimpo dei virtuosi, cosa decisamente non comune per un suonatore di basso elettrico. Per l'occasione l'organico dei turnisti venne allargato, furono adoperati molti più fiati rispetto al disco precedente e le tastiere lasciarono il posto ai numerosi sax e alle trombe. Le abbondanti impronte di pianoforte venne elargita dallo stesso Pekka soprattutto in Alku e all'inizio di Huono Sää, per il resto gli arrangiamenti di Harakka Bialoipokku sono condotti quasi esclusivamente dai fiati, su ritmi percussivi e sulle note del basso. Anche la musica risente di questo rinnovamento strutturale senza tuttavia perdere quel fare proprio del rock progressivo, anzi aumentando a dismisura i riferimenti verso il sinfonismo (Huono Sää, …Ja Näkee Unta). L'originalità dell'opera vede, tra le altre cose, una profonda virata verso atmosfere naturalistiche, rinfrescanti e luminose. L'utilizzazione di accordi particolari, mezze note, ritmi dalle misure variabili e scale atipiche fanno dei brani Ensimmäinen Aamu e Hereilläkin uni Jatkuu dei veri capolavori stilistici anche all'interno di un genere altisonante come il free-jazz. Questo, assieme all'oggettiva bellezza di tutti e sette i brani del disco, rappresentano probabilmente i motivi principali per i quali il secondo lavoro solista di Pekka Pohjola viene spesso apprezzato anche da coloro che normalmente non seguono la musica jazz.


Original edition

1974 HARAKKA BIALOIPOKKU - Vinyl Album (Love Records) lrlp 118
English print
? B THE MAGPIE - Vinyl Album (Virgin) v 2036
CD reissue
2002 HARAKKA BIALOIPOKKU - CD Album (Love Records) lrcd 118


KEESOJEN LEHTO (1977)



TRACKS:
1. Oivallettu matkalyhty (The Perceived Journey Lantern)
2. Kädet suoristavat veden (Hands Straighten The Water)
3. Matemaatikon lentonäytös (Mathematical Air Display)
4. Pääntaivuttelun seuraukset (The Consequences Of Indecisions)
(suite)
Part 1. Sulamaan jätetty kipu (Time Heals All Wounds)
Part 2. Nykivä keskustelu tuntemattoman kanssa (Comfort With A Stranger)
5. Varjojen varaslähtö (False Start Of The Shadows)

CREDITS:
Music composed and arranged by Pekka Pohjola
Produced by Mike Oldfield & Pekka Pohjola

Musicians:
1. Georg Wadenius - guitar, Wlodek Gullkowski - synthesizers, Vesa Aaltonen - drums, Pekka Pohjola - bass and grand piano
2. Mike Oldfield - acoustic and electric guitars, Sally Oldfield - vocals, Pekka Pohjola - bass, grand piano, harpsichord, string synthesizer
3. Mike Oldfield - guitars, Pierre Moerlen - drums, Pekka Pohjola - bass and keyboards
4. Mike Oldfield - guitars and percussion, Pierre Moerlen - percussion and bells, Pekka Pohjola - bass, string synthesizer and keyboards, Georg Wadenius - guitars and percussion, Wlodek Gullkowski - synthesizers and grand piano, Vesa Aaltonen - drums.
5. Mike Oldfield - mandolin and whistle, Sally Oldfield - vocals, Pekka Pohjola - bass, grand piano and harpsichord, Pierre Moerlen - drums.

Recorded and mixed by Paul Lindsay and Mike Oldfield,
Througham Slad, Gloucestershire, Nov. 22nd - Dec. 5th 1976.
Tracks 1 and track 4 part 2 basic tracks by Christer Berg, Marcus Music, Stockholm.
Entertainment in Stockholm: Tobbe Roos
Cover drawing by Risto Kurkinen
Design and layout by Love Covers
Photos by Inkeri Pohjola

NOTE:
Dopo aver partecipato al successo dei Wigwam, Pekka Pohjola diresse le sue attenzioni quasi esclusivamente alla carriera solista, partecipando saltuariamente ad alcune esibizioni dei Jukka Tolonen Band e dei Made In Sweden, del chitarrista Georg Wadenius. Arrivò quindi al suo terzo disco solista nel 1977. Keesojen Lehto è un album indefinibile, non esiste genere musicale con il quale si possa spiegare di che musica stiamo parlando. Molti hanno azzardato analogie con il free-jazz, il free-rock, il rock progressivo o la musica elettronica strumentale; quest'opera è tutto questo ma anche niente, l'unica cosa certa è che ci troviamo dinnanzi ad uno dei più importanti, unici ed irripetibili dischi della storia della musica moderna. Venne co-prodotto tra il 1976 e il 1977 da Pekka Pohjola e Mike Oldfield che suonò la chitarra in quattro dei cinque brani presenti. In Inghilterra venne stampato dalla Virgin come Mathematician's Air Display e vendette moltissimo, complice la partecipazione del bravo Mike e di sua sorella Sally Oldfield per le parti vocali. Altri musicisti famosi che parteciparono alle registrazioni furono Pierre Moerlen e Vesa Aaltonen alle percussioni, Georg Wadenius alla chitarra e Wlodek Guikowski ai sintetizzatori. L'organico strumentale venne completato dallo stesso Pohjola al basso elettrico e al pianoforte. Mike Oldfield, ricordando in una intervista quei giorni e il bassista Pekka Pohjola, parlò di un progetto particolare, gestito da un bravissimo musicista, come pochi. Raccontò anche che le parti di chitarra da lui eseguite non vennero registrate a Stoccolma, presso lo studio di Georg Wadenius, ma nel Gloucestershire dove avvennero tutte le sue sovra-incisioni. Oldfield aveva molta considerazione di Pohjola, specialmente come bassista, tanto che lo fece partecipe nel 1979 dei numerosi concerti dell'Exposed Tour.


Original edition
1977 KEESOJEN LEHTO - Vinyl Album (Love Records) lrlp 219
English print
? MATHEMATICIAN'S AIR DISPLAY - Vinyl Album (Virgin) v 2084
LP reissue
1981 Mike & Sally Oldfield, Pekka Pohjola - Vinyl Album (Happy Bird) 90096
CD reissue
1994 KEESOJEN LEHTO - CD Album (Love Records) lrcd 219
2002 KEESOJEN LEHTO - CD Album (Love Records) lrcd 219


VISITATION (1979)



TRACKS:
1. Strange Awekening
2. Vapour Trails
3. Image Of A Passing Smile
4. Dancing In The Dark
5. The Sighting
6. Try To Remember

CREDITS:
All compositions and arrangements: Pekka Pohjola
Musicians:
1. Pekka Pohjola: piano and bass, Vesa Aaltonen: drums, Eero Koivistoinen, Junnu Aaltonen: sax, Pekka Pöyry: sax (soprano solo), Teemu Salminen: sax.
2. Pekka Pohjola: grand piano and bass, Vesa Aaltonen: drums and percussion, Olli Ahvehlahti: el.piano and bass, Seppo Tyni: guitar, Pekka Pöyry: sax, Esko Rosnell: percussion.
3. Pekka Pohjola: grand piano and bass, Vesa Aaltonen: drums and percussion, Seppo Tyni: guitar, Eero Koivistoinen, Junnu Aaltonen: sax, Pekka Pöyry, Teemu Salminen: sax, Tom Bildo: tuba, Esko Rosnell: percussion. Woodwinds and cellos of the Helsinki Philarmonic Orchestra; Concert Master: Jorma Ylönen.
4. Pekka Pohjola: grand piano and bass, Vesa Aaltonen: drums and percussion, Seppo Tyni: guitar, Markku Johansson: trumpet, Pekka Pöyry: soprano sax, Esko Rosnell: percussion.
5. Pekka Pohjola: grand piano and bass, Vesa Aaltonen: drums, Seppo Tyni: guitar, Eero Koivistoinen, Pekka Pöyry: sax, Junnu Aaltonen, Teemu Salminen: sax, Aale Lindgren: oboe.
6. Pekka Pohjola: bass, Vesa Aaltonen: drums, Olli Ahvenlahti: grand piano, Seppo Tyny: guitar, Tom Bildo: trombones, Markku Johansson: trumpet. Woodwinds and strings of the Helsinki Philarmonic Orchestra; Concert Master: Jorma Ylönen. Conductor: Esko Linnavalli.

Recorded at Finnlevy Studio, January-February 1979
Engineer: Tom Vuori
Cover: Risto Kurkinen
Produced for Finnlevy by Pekka Pohjola and Tom Vuori.

NOTE:
Nel 1978 l'artista finlandese mise insieme il primo nucleo embrionale di quello che sarebbe divenuto il Pekka Pohjola Group; assieme al batterista Vesa Aaltonen, al chitarrista Seppo Tyni, ad una nutrita schiera di sassofonisti e trombettisti in genere e agli archi dell'orchestra filarmonica di Helsinki, registrò il suo quarto album, anche questo una tappa basilare della sua discografia. Con Visitation, Pohjola ritornò allo stile che aveva contraddistinto i suoi primi lavori, modellandolo però con un carattere ancora più solare rispetto ad Harakka Bialoipokku. Si tratta prevalentemente di free-jazz misto ad un rock melodico con molteplici influenze classiche; parecchie dissonanze, cambi repentini di tono e di ritmo. I frutti migliori contenuti in Visitation sono sicuramente i brani Dancing in the Dark e Vapour Trails. Dopo l'uscita di questo disco il Pekka Pohjola Group si completò con il già citato Seppo Tyni alle chitarre, suo fratello Pekka alle tastiere, Ippe Kätkä alla batteria e naturalmente Pekka Pohjola al basso. I quattro realizzarono diversi concerti in tutto il continente scandinavo fino al 1980, anno della pubblicazione del quinto mirabolante capolavoro.


Original edition
1979 VISITATION - Vinyl Album (Dig It) dig lp 4
CD reissue
2003 VISITATION - CD Album (Warner) 8805 2 9


KÄTKÄVAARAN LOHIKÄÄRME (1980)



TRACKS:
1. Kätkävaaran Lohikäärme (Pekka Pohjola)
(suite)
2. Tehdasmusiikkia (Pekka Pohjola)
3. Sampoliini (Pekka Pohjola-Seppo Tyni-Pekka Pohjola) (suite)
4. Inke ja mä (Pekka Pohjola) (suite)

CREDITS:
Pekka Pohjola Group:
Pekka Tyni: keyboards
Ippe Kätkä: drums
Seppo Tyni: guitars
Pekka Pohjola: bass

Recorded at Takomo Studios 1980 by Tom Vuori
Cover: Raz.

NOTE:
Kätkävaaran Lohikäärme, letteralmente: il drago della montagna Kätkävaara, è il quinto lavoro solista di Pekka Pohjola ed il primo ad essere accreditato alla sua band personale. Il prodotto in questo caso risulta leggermente inferiore rispetto alle genialate precedenti, tuttavia bisogna considerare che si tratta di un'opera d'insieme, ripresa da alcune jam session gestite dallo stesso Pekka. Si compone di quattro pezzi lunghi, tre dei quali figurano come suite, uno come improvvisazione generale. Si comincia a parlare in questo caso di fusion music ma la struttura portante vede in questo caso predominare il suono della chitarra elettrica e delle stravaganti trame del rock'n 'roll. Il collettivo ha la vista lunga e guarda oltre i naturali confini del jazz, si gettano pertanto le basi dell'allargamento sonoro a qualunque influenza stilistica, dal rock al folk, dalla musica classica a quella etnica. Le percussioni tribali, le chitarre piroettanti, il basso cadenzato e le tastiere trasudanti, procedono tutti in una direzione comune; l'improvvisazione, la sperimentazione, l'esecuzione sopra le righe, senza alcuna restrizione dettata dai contenuti. I brani maggiormente significativi sono sicuramente la lunga e monumentale suite omonima e la bellissima sinfonia rock gitano di Tehdasmusiikkia.


Original edition
1980 KÄTKÄVAARAN LOHIKÄÄRME - Vinyl Album (Dig It) dig lp 12
CD reissue
1994 KÄTKÄVAARAN LOHIKÄÄRME - CD Album (Fazer/Warner) 4509-96415-2


URBAN TANGO (1982)



TRACKS:
1. Imppu's Tango
2. New Impressionist (suite)
3. Heavy Jazz
(suite)
4. Urban Caravan
(suite)
5. Silent Decade
(Bonus track on CD reissue)

CREDITS:
Music composed and arranged by Pekka Pohjola
Lyrics to "Urban Caravan" & "Silent Decade" written by Edu Kettunen
Pekka Pohjola: bass, keyboards
Peter Lerche: guitar, mandolin (solo track 3)
T.T. Oksala: Roland Synth, guitar (solo track 1)
Leevi Leppänen: drums
Jussi Liski: keyboards
Kassu Halonen: guest vocals on "Urban Caravan"
Esa Kaartamo: guest vocals on "Silent Decade"

Produced by Pekka Pohjola and Tom Vuori
Engineered by Tom Vuori at Takomo Studios, Helsinki 1982
Executive producer: A. Charpentier
Cover by Seppo Pietikäinen.

NOTE:
Con i primi anni '80, la line up del personale collettivo di Pekka Pohjola cambiò ripetutamente le sue pedine musicali; ben presto il buon Pekka si accorse di essere sempre lui la vera e più resistente colonna portante di questo atipico genere musicale, decise pertanto di ritornare a firmare i suoi lavori e le serate con il proprio nome. Aprì a tal proposito un'etichetta personale, la Pohjola Records, branchia della Rockadillo Records di Tampere, terzo centro artistico e musicale finlandese dopo Helsinki e Turku. Il nuovo corso artistico ed imprenditoriale del genio finlandese venne inaugurato dall'album Urban Tango (Pohjola Records LP1), leggermente inferiore rispetto ai precedenti ma ugualmente interessante. Per l'occasione si fece aiutare alla stesura musicale da quattro nuovi musicisti, personaggi sconosciuti rispetto ai precedenti collaboratori ma ugualmente bravi, e dal cantante Kassu Halonen che prestò la voce nel brano Urban Caravan, una delle rare canzoni presenti nel repertorio del compositore, i testi furono scritti da Edu Kettunen. Il fatto che siano presente nel disco uno, e nella versione cd ben due, brani cantati, fa pensare ad un nuovo corso maggiormente indirizzato verso il pop, inteso non come genere musicale ma come proposta aperta a tutti indistintamente. I pezzi sono quindi maggiormente accessibili rispetto alle pubblicazioni precedenti, magari meno complessi ma ugualmente geniali con arrangiamenti estremamente melodici ma sempre impegnati. Il fatto ch'esista una stampa statunitense di questo e degli altri dischi degli anni '80, fa pensare ad un ampio margine di interesse degli americani verso la musica di Pekka Pohjola e in più in generale del suo nuovo corso stilistico. In effetti il free-jazz e la fusion spopolarono in Italia solamente negli anni '90, si veda il successo avuto da musicisti come Pat Metheny; con un decennio di anticipo, americani, inglesi giapponesi e tedeschi, poterono apprezzare la bellissime e indimenticabili composizioni di Urban Tango e di tutte le future realizzazioni del genio finlandese. Musicalmente il disco contiene una fusione miscelanea di più stili, dal jazz-rock al classicismo pianistico, dal folclore popolare del tango all'hard rock appena accennato di Urban Caravan, splendida perla musicale assieme al brano d'apertura Impuu's Tango.


Original edition
1982 URBAN TANGO - Vinyl Album (Pohjola Records) pe lp 1
Deutschland print
? URBAN TANGO - Vinyl Album (Ja Ro) 4109
USA print
? URBAN TANGO - Vinyl Album (Breakthru' Records) brs 1
CD reissue
1994 URBAN TANGO - CD Album (Pohjola Records ) pe lpcd 1


EVERYMAN JOKAMIES (1983)



TRACKS:
1. Debt (Velka)
2. Gaol (Velkavanki)
3. Blues For Verneri (Blues Vernerille)
4. Death? (Kuolema?)
5. Hope (Toivo)
6. Coral (Koraali)
7. Strangling (Kuristus)
8. No Way Out (Umpikuja)
9. Relief (Rakkaus-vapautus)
10. Agnus Dei

CREDITS:
Written, arranged and produced by Pekka Pohjola
Pekka Pohjola: bass, synthesizers
Peter Lerche: all guitars
Jussi Liski: piano, synthesizers
Keimo Hirvonen: drums
Timo Vesajoki: synthesizers
T.T. Oksala: Synthesizer programming
Kassu Halonen: vocals track 10
The Chamber Choir of Suomen Laulu, directed by Ensti Pohjola (tracks 6, 10)

Engineer: Dan Tigerstedt, Takomo Studios, Helsinki 1983
Cover by Seppo Pietikäinen
Thanks to Jukka Teittinen for the idea
Most of the material was originally written for a finnish television film "Jokamies" (Everyman)
Directed by Hannu Heikinheimo.

NOTE:
Completamente diverso rispetto a tutti gli altri album di Pekka Pohjola, Everyman/Jokamies contiene della musica scritta in origine come commento sonoro alle immagini del regista finlandese Hannu Heikinheimo. Si tratta quindi di musica new age realizzata prevalentemente con tastiere e sintetizzatori, ben due tastieristi oltre a Pekka erano compresi nell'organico. I passaggi gotici e i momenti atmosferici, richiamano stili compositivi propri del genere soundtracks. Su tutti i pezzi svettano quelli realizzati con l'apporto vocale del coro "suomi" da camera diretto dal fratello del compositore, Ensti Pohjola, parlo di Coral e Agnus Dei.


Original edition
1983 EVERYMAN JOKAMIES - Vinyl Album (Pohjola Records) pe lp 2
Deutschland print
? EVERYMAN JOKAMIES - Vinyl Album (Ja Ro) 4117
USA print
? EVERYMAN JOKAMIES - Vinyl Album (Breakthru' Records) brs 2
CD reissue
1994 EVERYMAN JOKAMIES - CD Album (Pohjola Records ) pe lpcd 2


SPACE WALTZ (1985)



TRACKS:
1. American Carousel
2. Cat Boulevard
3. Space Waltz
4. Risto
(suite)
5. Changing Waters

CREDITS:
Music written and arranged by Pekka Pohjola
Pekka Pohjola: bass, keyboards
Seppo Tyni: guitars
Keimo Hirvonen: drums
Jussi Liski: keyboards
Timo Vesajoki: keyboards

Produced by Pekka Pohjola for Rockadillo Records
Executive producer: Tapio Korjus
Recorded and mixed during December 1984 - January-February 1985 at Takomo Studios, Helsinki.
Engineer: Dan Tiderstedt
Cover Concept, lithograph and design: Osmo Klén.

NOTE:
In Space Waltz, Pekka Pohjola ritornò al vecchio e collaudato souno di Keesojen Lehto e di Urban Tango (vedi Risto), per l'occasione richiamò nel collettivo il bravissimo chitarrista Seppo Tyni, del già citato Pekka Pohjola Group. Inoltre si avvalse della collaborazione di ben due tastieristi, Jussi Liski e Timo Vesajoki, per generare una serie di suoni elettronici e arpeggi di tastiera su cui improvvisare linee di basso e melodie. La line up si completava con il batterista jazz Timo Vesajoki. La musica contenuta nell'album si sposta dalle cromatiche armonie di American Carousel alle classicheggianti arie di Changing Waters, quest'ultimo venne ripreso in seguito nell'album pianistico del 1992 che porta lo stesso nome. Cat Boulevard è un rifacimento del brano PKs Supermarket, composizione con la quale Pohjola approdò quindici anni prima all'album Fairyport dei Wigwam.


Original edition
1985 SPACE WALTZ - Vinyl Album (Pohjola Records) pe lp 3
USA print
? SPACE WALTZ - Vinyl Album (Breakthru' Records) brs 3
CD reissue
1986 SPACE WALTZ - CD Album (Pohjola Records ) pelp cd 3
? SPACE WALTZ - CD Album (Breakthru' Records) ab cd1
1996 SPACE WALTZ - CD Album (Pohjola Records ) pe lpcd 3


FLIGHT OF THE ANGEL (1986)



TRACKS:
1. How About Today?
2. Flight Of The Angel
3. Il Carillon
4. Pressure
(suite)
5. Beauty And The Beast
(suite)

CREDITS:
Music composed and arranged by Pekka Pohjola
Pekka Pohjola: bass
Seppo Tyni: guitar
Timo Vesajoki: keyboards
Jussi Liski: keyboards
Keimo Hirvonen: drums
Liisa Pohjola: piano in "Il Carillon"
Jaakko Ilves: violin
Jaakko Vuornos: violin
Mikko Pohjola: viola
Heljä El-Herraoui: cello
Pentti Lahti: alto sax
Simo Salminen: trumpet

Recorded and mixed in March-April 1986 at Takomo Studios, Helsinki
Engineer: Tom Vuori
Produced by Pekka Pohjola for Rockadillo
Executive producer: Tapio Korjus
Front cover photo: Kaarina Virtavuori
Back cover photo: Pekka Turunen
Special thanks to Luses and Esek

NOTE:
Con la stessa formazione responsabile di Space Waltz, Pohjola registrò un anno più tardi l'ennesimo progetto strumentale; a dire il vero, durante le registrazioni di Flight Of The Angel parteciparono sua figlia Liisa al pianoforte e una piccola orchestra da camera formata da fiati (sax e tromba) ed archi (violini e violoncello). La musica in questo caso si sposta drasticamente verso un pop sinfonico molto ragionato. Ascoltando i cinque brani del disco ci si imbatte nelle movimentate danze di How About Today?, nel free jazz melodico di Beauty & The Best, nelle elettroniche metronomie al sequencer di Pressure, nelle libere improvvisazioni al piano de Il Carillon e nella new age dolciastra del brano omonimo. Nell'insieme si tratta quindi di un disco variegato dal valore nettamente inferiore rispetto alle opere precedenti, ad eccezione dei brani Flight Of The Angel e Pressure, altre due perle d'eccezzione.


Original edition
1986 FLIGHT OF THE ANGEL - Vinyl Album (Pohjola Records) pe lp 4
CD reissue
1988 FLIGHT OF THE ANGEL - CD Album (Pohjola Records ) pe lpcd 4
2002 FLIGHT OF THE ANGEL - CD Album (Pohjola Records ) pe lpcd 4



NEW IMPRESSIONIST (1987)

Compilation TRACKS:
1. Imppu's Tango
2. Strangling
3. Inke And Me
4. Try To Remember
5. Death?
6. New Inpressionist
7. Hope
8. Coral


Original edition

1987 NEW IMPRESSIONIST - CD compilation (Rockadillo) zen cd 2013
USA print
1987 NEW IMPRESSIONIST CD compilation (Breakthru' Records) ab cd7


SINFONIA NO 1 (1990)

Sinfonia TRACKS:
1. Part 1
2. Part 2
3. Part 3


Original edition
1991 SINFONIA NO 1 - CD Album (Flamingo Music) fg cd 4041


CHANGING WATERS (1992)



TRACKS:
1. Benjamin (Introduction)
2. Waltz For Iikka (Iikan valssi)
3. Innocent Questions
4. Fanatic Answers (suite)
5. Changing Waters
6. Waltz For Outi (Outin valssi)
7. Benjamin (suite)

CREDITS:
Music written and arranged by Pekka Pohjola
Pekka Pohjola: electric bass, electronic drum; fills & bass synthesizer (trk. 4)
Seppo Kantonen: keyboards
Markku Kanerva: acoustic & electric guitars
Anssi Nykänen: drums (trks. 4.5.6.7)
Markku Ounaskari: drums (trks. 1.2)
Jukka Pohjola: first violin; violin solo (trk. 6)
Susanne Helasvuo: second violin
Teemu Kupiainen: viola
Matti Pohjola: cello
Teemu Salminen: clarinet (trks. 2.4); lute (trk. 4)

Recorded, mixed and mastered in June & September 1992
By Jorma Hämäläinen at MTV Studios, Helsinki.
Produced by Pekka Pohjola
Cover art by Kai Nilsson
This recording has been financially supported by ESEK and LUSES.
Seppo Kantonen's Kurzweil K2000 supplied by Hellas Piano.

NOTE:
Dopo aver lavorato ad uno sconosciuto album di musica classica per un'altrettanto sconosciuta casa discografia, il buon Pekka ritornò a pubblicare tramite la sua etichetta privata; erano passati ben cinque anni all'ultimo disco. Changing Waters trasmise agli appassionati le nuove idée stilistiche del compositore; prima fra tutte la convinzione maturata nell'ambito della ricerca melodica, questa venne pesantemente legata alle rilassanti, lente e a tratti noiose strutture della new age e della fusion più commerciale. Fortunatamente persistono negli arrangiamenti alcune strane combinazioni strumentali tra chitarra e basso elettrico in Fanatic Answers, un brano che da solo vale il disco; per il resto molto pianoforte, arrangiamenti sdolcinati e un alone di classicismo esasperato. Dopo la pubblicazione dell'album in questione la nuova Pekka Pohjola Band (Seppo Kantonen, Markku Kanerva, Anssi Nykänen e Pekka Pohjola) si trasferì negli Stati Uniti per pubblicizzarlo tramite una serie di concerti a New York e in Texas. L'anno successivo l'artista andò in Giappone sempre assieme al chitarrista Markku Kanerva, al batterista Anssi Nykänen e al tastierista Seppo Kantonen. Dalle serate di Tokio verranno estrapolati i brani live contenuti nel compact disc "Live in Japan" pubblicato solamente per il mercato giapponese da un'etichetta discografica del sol levante. Per gli appassionati occidentali è disponibile invece il doppio album dal vivo Heavy Jazz, con pezzi ripresi live a Tokio e ad Helsinki.


Original edition
1992 CHANGING WATERS - CD Album (Pohjola Records) pe lpcd 5


LIVE IN JAPAN (1995)

TRACKS:
1. Heavy Jazz
2. Innocent Questions
3. Mathematician's Air Display
4. Imppu's Tango
5. No Way Out
6. keskustelu tuntemattoman kanssa
7. Nykivä
8. Risto
9. Albatross


Original edition (Japan only)
1995 LIVE IN JAPAN Live CD (Belle Antique) 95109


HEAVY JAZZ (live In Helsinki and Tokyo) (1995)



TRACKS:
1. Relief
2. Pressure
(suite)
3. Imppu's Tango
(suite)
4. Nykivä keskustelu tuntemattoman kanssa
5. Innocent Questions
6. Fanatic Answers
(suite)
7. Benjamin
(suite)
8. No Way Out
9. Albatross
(suite)
10. Risto
(suite)
11. Heavy Jazz
(suite)

CREDITS:
All music written and arranged by Pekka Pohjola.
Published by Rockadillo Publishing.
Pekka Pohjola: bass
Seppo Kantonen: keyboards
Markku Kanerva: guitar
Anssi Nykänen: drums

Producer: Jukka Hakoköngäs / Radiomafia
Live sound engineer: Tapio Ylitalo
Recorded by Tarmo Haatanen / YLE OB at Tavastia Club, Helsinki, Finland, on April 18th 1995.
"Risto" & "Heavy Jazz" recorded on Tascam DA-88 digital eight track by Tapio Ylitalo at Fuchu Flight, Tokyo,
Japan, on November 19th 1994.
Recording assistant at Flight: Youichi Haneda.
Mixed by Heikki Savolainen at Finnish National Opera Studio, Helsinki, October 1995.
Mixing production by Heikki Savolainen & Jukka Hakoköngäs.
Special thanks to: Rita Hartwig, Juhani Merimaa (Tavastia), Hiroshi Masuda, Yukihiko Takeba, Naohiro Yamazaki (Marquee) and Yumei Shina (Flight).
Design: Risto Vainio
Photography: Tapio Korjus.


Original edition
1995 HEAVY JAZZ - Double CD live (Pohjola Records) pe lpcd 7


PEWIT (1997)



TRACKS:
1. Rita
(suite)
2. Melkein
(suite)
3. Pewit
4. Suuri kallion ritari (The Great Knight Of the Rock) intro
5. Suuri kallion ritari
6. Toy Rock intro
7. Toy Rock
8. Ordinary Music
(suite)

CREDITS:
Music written and arranged by Pekka Pohjola
Musicians:
Pekka Pohjola: bass, keyboards
Seppo Kantonen: piano, keyboards
Markku Kanerva: guitars
Anssi Nykänen: drums, percussion
Mongo Aaltonen: percussion on tracks 2 & 8
Pepa Päivinen: tenor sax, alto sax, bass sax on tracks 6 & 7
Heikki Keskinen: tenor sax on tracks 6 & 7
Seppo Paakkinainen: tenor sax on tracks 6 & 7
Jari Valo: violin on track 8
Jukka Pohjola: violin on track 8
Teemu Kupiainen: viola on track 8
Olli Kilpiö: viola on track 8
Timo Alanen: cello on track 8
Matti Pohjola: cello on track 8

Published by Zen Master Publishing Oy
Recorded and mixed by Speedy Saarinen at Finnvox, Helsinki 1997
Produced by Pekka Pohjola
Paintings: Rita Hartwig
Additional artwork: Nobu Matsubara & Kousuke Ohtake.
Lay-out: Risto Vainio
This record has been financially supported by ESEK and LUSES.

NOTE:
A metà anni '90, precisamente nel 1997, Pekka Pohjola ritornò alle belle idee sonore degli anni '70 con un nuovo lavoro intitolato Pewit. La grafica del compact disc è molto bella perché contiene una galleria di quadri realizzati dalla pittrice Rita Hartwig, compagna del bassista. La musica in questo caso è dedicata a questa artista e alla sua opera visiva, ascoltando le bellissime e intricate ramificazioni melodiche di Pewit si possono ammirare i dipinti e i disegni che ritraggono nature oscure, personaggi goliardici e atmosfere fantasiose. L'album riflette quindi un'opera magica prettamente visiva, o almeno è stato impostata in questo modo.


Original edition
1997 PEWIT - CD Album (Pohjola Records) pe lpcd 8


VIEWS (2001)



TRACKS:
1. Waves
2. The Red Porsche
3. Metropolitan
(suite)
4. Views
5. US

CREDITS:
All music written and arranged by Pekka Pohjola.
Lyrics to "The Red Porsche" written by Charles Bukowski. "The Red Porsche" Copyright 1979 by Charles Bukowski. Reprinted from PLAY THE PIANO DRUNK LIKE A PERCUSSION INSTRUMENT UNTIL THE FINGERS BEGIN TO BLEED A BIT whit the permission of Black Sparrow Press.
Seppo Kantonen: piano, keyboards
Markku Kanerva: guitar on track 2
Mika Kallio: drums on tracks 3.4.5
Reino Laine: drums on track 3
Anssi Nykänen: drums on track 2, fills on tracks 3 & 5
Tapio "Mongo" Aaltonen: percussion
Pekka Pohjola: bass and keyboards
Jukka Perko: alto sax on tracks 3.4.5; solo on 3
Pentti Lahti: alto and baritone sax on tracks 3 & 5
Manuel Dunkel: tenor sax on tracks 3 & 5
Tapani Rinne: soprano sax on track 1
Teemu Salminen: flutes on tracks 2 & 4
Teemu Matsson: trumpet on tracks 2.3.4.5
Verneri Pohjola: trumpet on tracks 2.3.4.5
Markku Veijonsuo: trombone on tracks 2.3.4.5
Ilmari Pohjola: trombone on tracks 2.3.4.5
Jari Valo : first violin
Jukka Pohjola : second violin
Teemu Kupiainen : viola
Timo Alanen : cello on tracks 2.3.4.5
Tomas Djupsjöbacka; cello on track 1
Laura Hynninen: harp on tracks 1 & 2
Sami Saari, Kim Lönnholm, Pemo Ojala: vocals on track 2

Produced by Pekka Pohjola.
Recorded by Tage Ylitalo on Tampere Pro-Audio mobile in 2000-2001 in Helsinki
(Hästholmen/Hande Mertanen and Ogeli Studio) and Tampere (Headline Studio), Finland.
Mixed by Jani Viitanen, Pekka Pohjola and Tage Ylitalo at Headline Studio, Tampere.
Mastered by Mika Jussila at Finnvox Studios, Helsinki.
Paintings: Rita Hartwig
Photos: Taina Värri
Lay-out: Jari Mattila
Thanks to: Studiotec, DPA microphones, Juha Tamminen, Heimo Hippi & Soundada / Mikko Palomäki.

NOTE:
Con Views, la geniale opera della maturità, Pekka Pohjola ritornò a produrre della musica molto variegata, influenzata dal jazz e dalla musica popolare. Sono presenti anche in questa impaginazione grafica dei dipinti dell'artista Rita Hartwig, il lago in copertina, classico elemento naturale finlandese, e la scampagnata sulla Porsche rossa, dal testo del terzo brano cantato di tutta la produzione del compositore. Il pop fantasioso di The Red Porsche è dedicato infatti allo scrittore americano Charles Bukowski dal quale vengono prese in prestito le parole della canzone. L'album si apre con i soavi arpeggi sullo stile mediterraneo di Waves, mischiati liberamente ad un manierismo classicheggiante tra i migliori di tutta la produzione classica del Pekka Pohjola maturo. Ancora molti riferimenti riportano la memoria a Keesojen Lehto, e alla produzione maggiormente bucolica (si confronti ad esempio i brani Views e US con Harakka Bialoipokku), tuttavia con Metropolitan si lasciano alle spalle tutti i ricordi affioranti e gli intermezzi leggeri. Il brano inizia in maniera oscura, grondante di mistero, sboccia in un jazz cadenzato come una città che si risveglia rivelando la complessità intrinseca della vita di tutti i giorni. Nessuno stile meglio del jazz può rappresentare musicalmente una metropoli, la sua gente fibrillante, le file infinite di auto che sfrecciano incessantemente, la controllata confusione e le aleatorie ma organizzate esistenze, le visioni di un mondo che probabilmente lo stesso Pekka cerca di eludere, vista la copertina che ha scelto per l'ultima sua gradita visione musicale e naturale.


Original edition
2001 VIEWS - CD Album (Pohjola Records) pe lpcd 12


<<PRIVATE EDIT>> FINLANDIA (antologia) (2005)



TRACKS:
1. Valittaja - Complainer
(from the album Pihkasilmä Kaarnakorva (P) 1972)
2. Ensimmäinen aamu - The First Morning
(from the album Harakka Bialoipokku (P) 1974)
3. Hands Straighten The Water
(from the album Keesojen Lehto (P) 1977)
4. Dancing in the Dark
(from the album Visitation (P) 1979)
5. Vapour Trails
(from the album Visitation (P) 1979)
6. Kätkävaaran Lohikäärme (excerpt)
(from the album Kätkävaaran Lohikäärme (P) 1980)
7. Tehdasmusiikkia (from the album Kätkävaaran Lohikäärme (P) 1980)
8. Imppu's Tango
(from the album Urban Tango (P) 1982)
9. Hope & Coral
(from the album Everyman Jokamies (P) 1983)

10. Space Waltz
(from the album Space Waltz (P) 1985)
11. Pressure (excerpt)
(from the album Flight Of The Angel (P) 1986)
12. Flight Of The Angel (from the album Flight Of The Angel (P) 1986)
13. Fanatic Answers
(from the album Changing Waters (P) 1992)
14. Risto (live version)
(from the album Heavy Jazz (P) 1995)
15. Relief (live version) (from the album Heavy Jazz (P) 1995)
16. Pewit
(from the album Pewit (P) 1997)
17. Melkein (excerpt) (from the album Pewit (P) 1997)
18. Waves
(from the album Views (P) 2001)



Enrico Bassi Home
info@enricobassi.it


© 2005/06 by Enrico Bassi (except images, tracks & credits) - All Rights Reserved