Patrizio Peci è il primo grande pentito delle Brigate Rosse, le sue dichiarazioni raccolte dal Generale Carlo Alberto Dalla Chiesa agli inizi del 1980 sono decisive per individuare covi e militanti, ma anche per fare luce su un decennio di terrorismo di sinistra. Ma la risposta delle Brigate Rosse non si fa attendere il 10 giugno del 1981 le BR sequestrano il fratello di Patrizio: Roberto Peci, condannandolo a morte per tradimento. Una vendetta senza precedenti nella storia del terrorismo, filmata dai carcerieri in tutte le sue fasi, fino all'atto estremo: l'uccisione dell'ostaggio, dopo 54 giorni di prigionia. Una pagina terribile di anni terribili, la storia di due fratelli del loro impegno politico, della scelta del terrorismo, degli omicidi e poi del pentimento.

Approfondisci...