Real Casa di Borbone delle Due Sicilie Storia e Documenti
Storia e Documenti  La Real Casa di Borbone oggi Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio  News
Storia

 
 
I PRIMATI
del Regno delle Due Sicilie
   
Alla fine di questa ampia panoramica sulla storia politica, civile, culturale e sociale del Mezzogiorno italiano sotto il regno della Real Casa di Borbone delle Due Sicilie (1734-1860), può essere utile riassumere in maniera schematica i principali “primati” che segnarono in maniera profonda la civiltà e la società meridionale nella seconda metà del XVIII secolo e nella prima metà del XIX.
Dal sintetico quadro, apparirà infatti evidente da un lato come positiva e costruttiva fu l’opera dei sovrani Borbone (e in special maniera, come abbiamo potuto ben vedere, di Carlo, Ferdinando e Ferdinando II), e dall’altro quanto fallace e sovente menzognera sia la “vulgata” risorgimentale sul “borbonismo” in Italia.
A completamento di tutte le voci precedenti, ci limiteremo ad elencare, uno dopo l’altro, ogni singolo “primato”, almeno i più significativi. Al lettore lasciamo il giudizio in merito Si veda a riguardo: M. VOCINO, Primati del Regno di Napoli, Mele editore, Napoli; Aa.-Vv., La storia proibita. Quando i piemontesi invasero il Sud, Controcorrente, Napoli; “La Civiltà del Sud”, numero unico, p. 5; G. RESSA, Rilettura sintetica della storia del Regno delle Due Sicilie, in www.diesicilie.org; N. FORTE, in www.mds.it/neoborbonico/index.html..

INDUSTRIA:

  • Nell’Esposizione Internazionale di Parigi del 1856 fu assegnato il Premio per il terzo Paese al mondo come sviluppo industriale (I in Italia);
  • Primo ponte sospeso in ferro in Italia (sul Fiume Garigliano);
  • Prima ferrovia e prima stazione in Italia (tratto Napoli-Portici);
  • Prima illuminazione a gas di città;
  • Primo telegrafo elettrico;
  • Prima rete di fari con sistema lenticolare;
  • La più grande industria metalmeccanica in Italia, quella di Pietrarsa;
  • L’arsenale di Napoli aveva il primo bacino di carenaggio in muratura in Italia;
  • Primo telegrafo sottomarino dell’Europa continentale.
  • Primo esperimento di Illuminazione Elettrica in Italia a Capodimonte;

Il Ponte sul Garigliano di Luigi Giura
Acquerello su carta di Fergola

L'inaugurazione della ferrovia Napoli-Portici (l'arrivo del treno ai Portici)
Salvatore Fergola

Le Officine di Pietrarsa, ora museo ferroviario

  • Primo Sismografo Elettromagnetico nel mondo costruito da Luigi Palmieri;
  • Prima Locomotiva a Vapore costruita in Italia a Pietrarsa;

ECONOMIA:
  • Bonifica della Terra di Lavoro;
  • Rendita dello Stato quotata alla Borsa di Parigi al 12%;
  • Minor tasso di sconto (5%);
  • Primi assegni bancari della storia economica (polizzini sulle Fedi di Credito);
  • Prima Cattedra universitaria di Economia (Napoli, A. Genovesi, 1754);
  • Prima Borsa Merci e seconda Borsa Valori dell’Europa continentale;
  • Maggior numero di società per azioni in Italia;
  • Miglior finanza pubblica in Italia; ecco lo schema al 1860 (in milioni di lire-oro) Cfr. F.S. NITTI, La scienza delle finanze, cit. in H. ACTON, Gli ultimi Borbone di Napoli, (1962) Giunti, Firenze 1997, p. 2.:
    - Regno delle Due Sicilie: 443, 2
    - Lombardia: 8,1
    - Veneto: 12,7
    - Ducato di Modena: 0,4
    - Parma e Piacenza: 1,2
    - Stato Pontificio: 90,6
    - Regno di Sardegna: 27
    - Granducato di Toscana: 84,2

Profilo del primo battello a vapore costruito a Napoli,
il "S. Ferdinando" poi "FerdinandoI", Napoli, Archivio Storico
  • Prima flotta mercantile in Italia (terza nel mondo);
  • Prima compagnia di navigazione del Mediterraneo;
  • Prima flotta italiana giunta in America e nel Pacifico;
  • Prima nave a vapore del Mediterraneo;
  • Prima istituzione del sistema pensionistico in Italia (con ritenute del 2% sugli stipendi);
  • Minor numero di tasse fra tutti gli Stati italiani.
  • La più grande Industria Navale d'Italia per numero di operai (Castellammare di Stabia, 2000 operai);
  • La più alta quotazione di rendita dei titoli di Stato (120 alla Borsa di Parigi);
  • Rendita dello Stato quotata alla Borsa di Parigi al 12%;
  • Minor tasso di sconto (5%);
  • Prima Nave da guerra a vapore d'Italia (pirofregata "Ercole"), varata a Castellammare;
  • Prima Nave da crociera in Europa ("Francesco I");
  • Primo Piroscafo nel Mediterraneo per l'America (il "Sicilia", 26 giorni impiegati);
  • Prima nave ad elica ("Monarca") in Italia varata a Castellammare;
  • Prima città d'Italia per numero di Tipografie (113 solo a Napoli);
  • Primo Stato Italiano in Europa, per produzione di Guanti (700.000 dozzine di paia ogni anno);
  • Primo Premio Internazionale per la Produzione di Pasta (Mostra Industriale di Parigi);
  • Primo Premio Internazionale per la Lavorazione di Coralli (Mostra Industriale di Parigi);
  pagine: 1 - 2 (» successiva)
   
Presentazione  Mappa del Sito  English version  Version française  Versión española  Cerca nel Sito  Contatti  Credits  Torna alla Homepage