Sinistra e Libertà » GUIDONI: CONGRESSO SUBITO, REALIZZIAMO IL SOGNO UTILE

GUIDONI: CONGRESSO SUBITO, REALIZZIAMO IL SOGNO UTILE

Vetrina 12 ottobre 2009 | 52 commenti

Il progetto deve andare avanti: abbiamo un debito di credibilità rispetto ai nostri elettori, ai nostri militanti che hanno faticato sul territorio, verso noi stessi che abbiamo lasciato case sicure per costruirne una ancora più accogliente.

Mi spiace tanto per l’esito del congresso dei Verdi, in particolare per Grazia, Loredana, Paolo e tutti gli amici Verdi che credono in Sinistra e Libertà… Ma in fondo abbiamo già una casa, dal forte tratto ecologista, che stiamo costruendo abbastanza grande e forte per tutti loro e per tutti noi. Sinistra e Libertà deve prescindere dalle scelte dei gruppi dirigenti che, seppur importanti, non possono esserlo quanto il milione di donne e di uomini che ci hanno votato e quanto coloro che, in prospettiva, sono interessati a questo ambizioso progetto.

Dobbiamo mantenere tutti i punti unitari approvati dall’assemblea di Bagnoli e, alla luce di questi fatti, cercare di accelerare. Cercheremo di creare le condizioni per celebrare il congresso fondativo di Sinistra e Libertà prima delle elezioni regionali, in modo da dare una risposta politica a coloro che sentono la necessità di un soggetto di sinistra ed ecologista. Spero che tutto il coordinamento nazionale approvi questa proposta: abbiamo bisogno di uno slancio, di ridare entusiamo e prospettiva al processo costituente. E dobbiamo farlo adesso.

Nel simbolo di Sinistra e Libertà è stato deciso di inserire la parola “ecologia” non per accontetare un gruppo dirigente, ma per sancire, in maniera definitiva, che sulla questione ambientale si gioca il processo di trasformazione della società.

Il progetto deve andare avanti: abbiamo un debito di credibilità rispetto ai nostri elettori, ai nostri militanti che hanno faticato sul territorio per far conoscere il simbolo, verso noi stessi che abbiamo lasciato case sicure per costruirne una ancora più accogliente. Perché abbiamo un sogno utile da realizzare.

.

Umberto Guidoni

Bookmark and Share Condividi | « Indietro

Sono presenti 52 commenti

  1. massimo c. scrive:

    Caro Guido,
    alla fine del mio commento trovi nome e cognome del tuo interlocutore in ogni mio post.
    Allora perchè non partito del lavoro? Allora meglio popolo della sinistra?
    La sinistra, secca da sola ,no fa il verso a La destra di Storace e noi non siamo il suo speculare. Il mio invito al rispetto e a non criticare l’inutile tra di noi è affettuoso e non indisponente, credo.
    Rispettiamo lo sforzo della decisione dei nostri dirigenti di dare anche un nome importante al soggetto , ex la cosa rossa, dirigenti che potrebbero piu’ semplicemente traghettare su di un comodo e accogliente carro quale pd o idv, ma non l’hanno fatto e non lo faranno. Basta critiche tra compagni e tra amici. Il nome Sinitra e Liberta ecologia è il migliore perchè è la sintesi dei movimenti da rappresentare.
    Sinistra:
    quello dei lavoratori con tutte le loro lotte( statuto,reddito, condizioni di lavoro), del movimento marxista socialista e comunista che hanno contribuito alla resistenza e alla costituzione italiana.
    Liberta’:
    per quei movimenti delle donne per i diritti alla uguaglianza e altro, della laicita’, degli studenti per una scuola libera, del movimento lgbt perchè tutti sono uguali nei diritti e doveri.
    Ecologia
    per il movimento ambientalista per un nuovo progresso della nostra economia senza la quale condizione di essere ecologista non c’è vita ma la morte.
    Ti prego critica qualche questione e non piu’ il nome Sel ecologia , deciso ( qualcuno deve decidere e troppi galli in un pollaio si dice che non fanno giorno) ripeto deciso per noi al meglio.
    Sel funziona!
    Un affetuoso saluto da Massimo Calisi
    convinto ecologista
    di sinistra
    per la libertà.

  2. Guido Silipo scrive:

    Non “mi confondono”, egregio c.: quel “e libertà” e quell’inutile “ecologia” sono il contrario di quello che ogni scuola di comunicazione insegna il primo giorno, appena entrati in classe.
    Mi spiego meglio.
    Se c’è un nome con un contenuto simbolico forte, aggiungere un elemento significante ne abbassa il potere ed aggiungerne un altro lo fa diventare fuffa.
    Ora, è abbastanza evidente che il simbolo forte di riferimento è nella parola “sinistra”, che sarebbe corretto far precedere dall’articolo determinativo “la” per far comprendere come non si voglia un’altra formazione di sinistra, ma il punto di riferimento unitario di quella posizione politica, ed eventualmente far seguire da un punto “.” per indicare che la finiamo lì.
    Questo se si vuole una sinistra, un partito di persone e non un’insalata inamalgamabile di partiti o di movimenti.
    Con il massimo rispetto per gli sforzi di ognuno, ma nella consapevolezza che non è attraverso l’indulgenza nei confronti degli errori più evidenti che raggiungeremo gli obiettivi.
    E poi: perché “e libertà” e non “e lavoro”?

  3. massimo c. scrive:

    Caro Guido,
    non capisco il tuo sarcasmo.
    Tre parole, Sinistra libertà ecologia e un logo tricolore, con rosso e verde ben evidenti ti confondono? E’ meglio una o nessuna parola? Vogliamo dividerci
    e pontificare sul nome? Rispettiamo quei dirigenti che provano a salvare la polverizzazione della sinistra, dei movimenti dei diritti e dell’ambientalismo in Italia. Un partito popolare largo di tutti coloro che non sono il centro o il pd.
    Per una nuova alleanza democratica perche’ soli faremo solo opposizionismo e identarismo che non interessano quel milione di italiani che voto’ Sel. E ce ne sono tanti altri che aderiranno se cambieremo e matureremo.
    Il miglior nome e logo da 30anni per la sinistra e non solo.
    Sel funziona!
    Massimo Calisi
    ecologista
    di sinistra
    per la libertà

  4. Pina Fusco scrive:

    @ Guido Silipo. Grazie, compagno! Mi hai fatto schiattare dalle risate. Sei una meraviglia. Fatti “scoprire” almeno dalla Dandini. Non è possibile che solo noi di Sel ci possiamo godere la tua comicità. Diglielo a Nencini & Little company che se esce di qui non avrà mai più la possibilità di farsi quattro risate!

  5. Guido Silipo scrive:

    perché non sarebbe meglio “Sinistra e Libertà ecologia, pace, antirazzismo, ricerca, sviluppo sosteniibile, buon senso, innovazione, cultura, scuola, vita sana, niente carie, inserire qui la vostra parola chiave?” o hai un nome simbolico (tipo “la Sinistra”) o devi esprimere tutto tutto, perché quello che non è detto non c’è.

  6. massimo c. scrive:

    Caro Guido Silipo,
    il coordinamento di Sel
    e il nome

    Sinistra e Libertà ecologia

    siano due fatti veri e importanti
    per il milione di italiani e forse di tanti altri.
    Finalmente un coordinamento politico che rappresenta un punto essenziale per il futuro di un nuova alleanza per tornare a governare.E che decida presto il congresso

    SINISTRA

    e non socialismo e\o comunismo, basta divisioni in politica del movimento dei lavoratori. Sinistra è la migliore sintesi di quello che siamo e di quello che vogliamo. Ma non basta.

    LIBERTA’

    per i diritti di tutte e tutti gli italiani. E’ la sintesi migliore di quei movimenti libertari che troppa importanza hanno avuto per tutti gli italiani.

    ECOLOGIA

    per sancire che sulla questione ambientale si gioca il processo di trasformazione della società.

    Sel funziona!
    Massimo Calisi,
    ragazzo
    ecologista
    di sinistra
    per la liberta’.

  7. Martin scrive:

    Ahahaahah, Guido sei un genio!

  8. Guido Silipo scrive:

    Insomma: si aveva questo progetto de “la Sinistra.”.
    Poi arrivano Verdi e Socialisti che dicono “Eccoce, ahò! Veniamo puro noi!”
    - Vabbene! Evviva! Mammamia che bello, zompate su: siamo o non siamo tutti compagni?
    - Eh, ma non “la Sinistra” eh! Ci si chiami “La Sinistra delle libertà”
    - Ma fa cacare.
    - Ma non puzza di sinistra pe’ davero, serve solo a fare un cartello elettorale e se non ci piacete ci permette di cambià carretto all’occorrenza!
    - Eddai! Parlate con Gennarino e troviamo una soluzione.
    Torna Gennarino, dopo che ha parlato con loro.
    - Amo deciso: “La Sinistra delle libertà”
    - Sei un negoziatore impareggiabile!
    Tutti i compagni - Adesso ve menamo davero!
    - Va bene “sinistra e libertà”?
    - è una ciofeca, ma in nome dell’unità delle sinistre se po’ ffà.
    - però, niente fughe in avanti, mi raccomando!
    - ma sta andando tutto a puttane!
    - si fa un congresso che stabilisca un gruppo di studio, che ponga all’ordine del giorno un incontro, verso una riunione, che definisca i modi per formare un circolo, che definisca i termini per cui si può convocare un raggruppamento, che piano piano distilli un modo per chiamare qualcuno a vedesse pe ‘na pizza, laddove si proverà a porre all’argomento una commissione che vada verso una costituente che poi con molta calma e ponderazione…
    - Ma dai, diamoci una mossa: gli elettori non ne possono più!
    - e chi se ne frega degli elettori! Anzi, m’hai messo ansia e mo’ ce ne andiamo!

    Mò se ne vanno e la ciofeca ci resta sul groppo.
    Uffa!

    La storia è che verdi e soprattutto socialisti ci hanno pochi iscritti, ma uno scatafascio di amministratori locali, votati da zie e cugine, amici e parenti, agnati e clienti che mai e poi mai li voterebbero alle politiche: se rimangono col loro simboletto privato fino a dopo le amministrative è capace che abbiano un valore sul mercato che altrimenti non avrebbero.

    Vabbè, quantomeno, molti compagni si sono accorti che i vertici li stanno a cojonà e li stanno mandando affanculo dai forum di mezza Italia: se non ti fai imbambolare dai simboli lo vedi che se sei socialista hai nel sangue Nenni, Pertini, Lombardi e non hai niente a che vedere con quelli che hanno usato il marchio per coprire tutt’altro, quelli che hanno svuotato di significato la parola “Socialismo”. E che se sei ecologista sei consapevole che l’ambiente è un bene collettivo, quindi non puoi essere “non ideologizzato”, ma per forza di sinistra.
    Socialisti ed Ecologisti sono forze di sinistra, sono i loro vertici che preferiscono essere FORSE di sinistra.

  9. Michele scrive:

    E’ necessario un congresso prima delle regionali, ma dicembre è troppo presto non scherziamo. Fate a livello nazionale queste benedette tessere e partiamo con l’adesione e le assemblee territoriali. Poi dopo la metà di novembre, ad assemblee territoriali avvenute e gruppi di lavoro nazionali avviati, il coordinamento nazionale si prenda la seria responsabilità di proporre un chiaro percorso per il congresso costitutivo entro febbraio al massimo. Non dobbiamo essere precipitosi ma basta tentennamenti, ci vuole chiarezza e convinzione assoluta.

  10. franco lapini scrive:

    FACCIAMO IL CONGRESSO! Visto come si stanno muovendo le cose, il congresso è l’unico strumento che ci modererà. Franco Firenze

  11. all violet scrive:

    Caro ellenio mischi, nel mio intervento ho detto che mi sento socialista, da sempre. Come lo sono stati Pertini e Nenni. Io mi sono solo riferito a Craxi e al PSI degli anni 80. Quello non è stato e non potrà mai essere il mio modello (non è un caso che quasi tutti gli scagnozzi di allora oggi siano autorevoli esponenti del PDL come Cicchitto, Sacconi, Brunetta…). Io rispetto i socialisti più di chiunque altro e li vorrei con noi, fin da subito, per riprendere la strada tracciata da Turati, Matteotti, Nenni, De Martino, Lombardi… Ma non chiedetemi di rendere onore a Craxi perchè non lo farei neanche sotto tortura. D’altronde se siamo l’unico paese a non avere più un grande partito socialista di chi è la colpa? I primi a prendere le distanze da Craxi dovrebbero essere proprio quei veri autentici socialisti rimasti: se sono caduti così in basso sanno benissimo a chi dover ascrivere la responsabilità di un fallimento che non ha precedenti in nessun angolo del mondo!

  12. GIOVANNI SESSA scrive:

    Ho partecipato come delegato al congresso dei Verdi. Il risultato dal punto di vista sostanziale non modifica niente,noi della mozione n. 1 siamo ancora più convinti del percorso di SeL già avviato…..al circa 51% che ha vinto il congresso lasciamo Pecoraro Scanio con i suoi metodi e sistemi che sono stati la causa del disastro degli ultimi anni. Sinistra e Libertà era ed è l’unica scelta seria, innovativa e alternativa per il Paese.

  13. ellenio mischi scrive:

    Contesto quanto ha scritto e non me ne voglia ALL VIOLET, non c’è nessuna vergogna ad essere socialisti, per esempio io non sono mai stato iscritto ma vorrei ricordarti per esempio di un Sandro Pertini, di un Pietro Nenni, di un Ignazio Silone, e per ultimo che non è ultimo, il compianto Riccardo Lombardi.
    Durante la notte non spargere di sale sul terreno che durante il giorno migliaia di lavoratori stanno concimando.

    Saluti
    Ellenio Mischi

  14. Antonio scrive:

    Quello che mi fa rabbia è che un mese fa dicevano l’esatto contrario e che sono stati al ricatto. Il popolo di Bagnoli è stato violentato (almeno io così mi sono sentito), ma questo dimostra la mia teoria. Il popolo di sinistra ha una propria coscienza e onestà intelettuale e alla fine nemmeno il padre eterno può cambiare quello che noi vogliamo.
    Spero solo non sia troppo tardi
    Antonio Di Gilio

  15. Sinistra e Liberta scrive:

    Gentili utenti, come è evidente a causa della natura aperta di questo sito, è possibile che ci siano dei “troll”, veri e propri provocatori che vi chiediamo, cortesemente, di ignorare dato che vengono sul nostro sito con l’unico obiettivo di dividere.
    Pertanto vi invitiamo di attenervi al thread di discussione lanciato dal post che commentate e di evitare, possibilmente, di utilizzare il sito come scambio di messaggi personali.
    Certi della vostra collaborazione, vi ringraziamo.
    La redazione

  16. Domenico da Enna scrive:

    Per Ottavio! Visto che fai il”copia e incolla” chiedo ai compagni-con vera modestia- di andare a leggere il mio commento e quello degli altri compagni in risposta alle tue poco-edificanti considerazioni in relazione all’intervento di Vendola,che evidenzia le stesse esigenze di Guidoni.

  17. all violet scrive:

    Ottavio sta a Craxi come Diliberto sta a Lenin. E io nella sinistra del futuro non voglio nè Craxi nè Lenin. Chi non è d’accordo rimanga a commemorare i morti all’interno del suo zero virgola! Scusate la brutalità ma non se ne può più di chi non riesce a vedere più lontano del proprio naso. Io non avrei problemi a chiamarmi socialista, lo sono. Ma in Italia purtroppo PSI significa Craxi, un personaggio e un epoca (il PSI degli anni 80) con cui io e molti di noi non abbiamo nulla da spartire. Chiedere a chi viene dal PCI di entrare nel nuovo PSI mi sembra una cosa al limite della barzelletta, come lo sarebbe l’incontrario.

  18. Martin scrive:

    Otta’, come diceva totò, “ma mi facci il piacere”.
    Stai a vedere che avevamo tutti voglia di approfittare del nome del PSI, nome che a molti in Italia fa ancora venire le bolle!
    Avevamo voglia di mettere insieme tutte le parti di una moderna sinistra italiana, ma si vede che c’è ancora chi tanto moderno non è.
    I compagni socialisti, quelli che credono nel progetto, saranno con noi, e per il futuro, non per il passato.

  19. ALBERTO ANZALONE scrive:

    alla luce del congresso dei verdi, il congresso anticipato può essere un’idea, ma il documento di Bagnoli, diceva un’altra cosa, e dobbiamo essere tutti d’accordo, anche il partito socialista, per modificare quell’intendimento.

  20. marco scrive:

    A Bagnoli si è deciso un percorso che in modo subdolo i socilisti e in modo almeno evidente i verdi hanno deciso di mettere in dicussione nonostante una parte più o meno consistente dei loro sostenitori avessero manifestato un buon interesse verso questo processo per natura costituente. Subito dopo Bagnoli c’è chi in queste forze ha parlato di Federazione (e di Federazione non si era mai parlato!)…. quindi: ci sono novità abbastanza evidenti. SL non può ridursi a fare da comitato elettorale per il PS, dunque serve un periodi di transizione, magari con la possibilità di una doppia tessera, ma SL non può e non deve essere un forum. Chi vuole prosegue; può anche meditare per tutto il 2010, ma non si può attendere un processo che proprio a Bagnoli è stato richiesto a chiara voce e che dall’alto da troppo tempo si cerca di ostacolare!

  21. Andrea scrive:

    A’ Ottavio, ma quante mani c’hai? stai a scrive’ tutto te’…
    E piantala…
    Lasciaci gioire in santa pace !!!
    GRANDE GUIDONI !!!

  22. all violet scrive:

    Si può sapere perchè da un paio di settimane, quindi molto prima delle “fughe in avanti”, dal sito del PSI è stato tolto qualunque riferimento a Sinistra e Libertà? Io più che fughe in avanti di Vendola, Fava e Guidoni, vedo fughe indietro di Nencini… E si sa, chi corre all’indietro vuol dire che sta scappando…

  23. Ottavio scrive:

    12 ottobre 2009 alle 22:39
    COMUNICATO STAMPA

    SINISTRA E LIBERTA’: DI GIOIA (PSI) A VENDOLA, FAVA, GUIDONI: NIENTE FUGHE IN AVANTI, RISPETTARE PERCORSO STABILITO A BAGNOLI

    Le dichiarazioni di Fava, Guidoni e Vendola con cui si manifesta l’idea di convocare il congresso costituente di Sinistra e Libertà non agevolano il percorso di costituzione, piuttosto pongono in seria difficoltà anche il percorso per le prossime elezioni regionali – lo ha dichiarato Lello Di Gioia Coordinatore Nazionale dell’Organizzazione del Partito Socialista -. Io - prosegue Di Gioia - continuerò a sostenere la bontà di questo percorso sapendo di rispettare e mantenere le regole che ci siamo dati. Cioè tutto quanto è stato definito dalla prima Assemblea Nazionale di Bagnoli. Le fughe in avanti non sono consentite a nessuno – conclude Di Gioia -.

  24. Martin scrive:

    Mi pare che dalla linea di Napoli si siano distaccati in molti, compresi parecchi compagni socialisti (vedi la situazione in Regione Toscana).
    Direi che un congresso vero, per delegati, e non la farsa per acclamazione di Napoli, sia l’istanza più titolata a decidere cosa debba essere Sinistra e Libertà.
    Perché avere paura della discussione? Magari porta dove vuoi tu, chissà. L’importante è che si conti tutti come iscritti e non come “componenti”.

  25. Ottavio scrive:

    Ottavio scrive:
    12 ottobre 2009 alle 23:00
    elisa scrive
    ………….Mi dissocio poi come militante di SeL che compagni di viaggio decidano di celebrare Bettino Craxi, un politico che si è sottratto con la fuga alla giustizia italiana………….
    XXXXXXXXXXXX
    Io rispetto la magistratura (anche in Puglia) non sono mai stato Craxiano, ma sono onorato di appartenere al partito di cui Craxi è stato un grande esponente, e a cui noi dobbiamo un grazie per la grande opera di modernizzazione del paese che mettendo al centro la difesa del lavoro e dei lavoratori, ha dimostrato che la sinistra poteva essere una grande forza di governo. Purtroppo le forze reazionarie e quelle che dovevano essere cancellate dalla storia(i comunisti) si trovarono buone alleate nel fermarlo.
    Ancora oggi non sarà possibile ricreare una forza autenticamente socialista e quindi riformista, senza una lettura critica di un passato che troppi Comunisti non hanno ancora rimosso dal loro bagaglio.
    al di la del nome noi dobbiamo costruire una forza socialista e non ex comunista. Proprio per questo ha fatto bene nencini ha chiudere con il passato e ha richiamare il partito con il suo nome partito socialista italiano.
    Se agli ex comunisti non sta bene, se ne dovranno fare una ragione! loi ha deciso la storia

  26. Ottavio scrive:

    scusa,il ricatto sarebbe la richiesta di non procedere per “editto” alla modifiche al percorso, alla linea politica, agli appuntamenti concordati, tutto approvato da congressi e dall’assemblea di napoli? Il predellino lo usa Berlusconi. Lasciamolo fare a lui che almeno lo fa con successo

  27. Martin scrive:

    Ottavio, nessuno ha buttato fuori verdi e socialisti, e credo che molti compagni verdi e socialisti continueranno in questo percorso.
    Nessuno vuole fare rifondazione comunista, c’era già, ma una forza di sinistra moderna, laica ed ecologista.
    Non cederemo ai ricatti sul nome e sul simbolo, questo spero sia chiaro.

  28. MARIA ANTONIETTA MANCINO scrive:

    EVOCARE ANCHE NEL NOME IL NOSTRO IMPEGNO E LA NOSTRA VOLONTA’ DI LOTTA ALLE SOFFERENZE DI TANTA PARTE DI UMANITA’ OFFESA NEL MONDO ED IN ITALIA TANTO PIU’ NEL MEZZOGIORNO, RILANCIANDO CON SICUREZZA I VALORI DELLA LIBERTA’ E DEL SOCIALISMO. BRAVI AMICI E COMPAGNI! CI SIAMO QUASI. GRAZIE!

  29. John scrive:

    Sagge parole

  30. Ottavio scrive:

    dovete cercare anche un’altro nome.
    Sinistra e libertà è un’altra cosa rispetto ad un’altra rifondazione comunista con altro nome ed è patrimonio comune con altre forze che per fortuna hanno iscitti e militanti che decidono del loro destino secondo normali processi di partecipazione e democrazia. Non tutti sono governati come il pcus o forza italia

  31. Ottavio scrive:

    dovete cercare anche un’altro nome.
    Sinistra e libertà è un’altra cosa rispetto ad un’altra rifondazione comunista con altro nome ed è oateimonio comune con altre forze che oper fortuna hanno iscitti e militanti che decidono del loro destino secondo normali procesi di partecipazione e democrazia. Non tutti sono governati come il pcus o forza italia

  32. Il Ragno scrive:

    PER Fabio Talarico : non siete soli !!!! ormai siamo una grande famiglia della nuova Sinistra unita … auguri alla vostra nuova sede, a voi e al vostro consigliere eletto ! un abbraccio da Firenze

  33. Alvise Ferialdi scrive:

    di fatto stiamo procedendo al tesseramento. Ma non siamo pronti al Congresso.

  34. tALARICO fABIO scrive:

    ottimo avanti senza fermarsi un attimo, noi di Castelletto sopra ticino (no) a giorni apriremo una sede di sinistrà e libertà, abbiamo anche un assessore votato a giugno. non lasciateci soli…

  35. alfonso gianni scrive:

    Lorenzo ha indubbiamente ragione dal punto di vista linguistico e semantico, ma di fatto, ovvero nell’immaginario collettivo e quindi nel linguaggio corrente della politica, ecologia è sinonimo di difesa dell’ambiente e non solo di studio della biosfera. Quindi sottintende, anzi esprime, un atteggiamento positivo verso l’ambiente e la natura. In questo senso, non originario, ma derivato, può stare in un simbolo al pari di sinistra e libertà (del resto la nascita del termine “sinistra” è addirittura occasionale e indicava la collocazione fisica di un gruppo di rappresentanti di una celebre assemblea rispetto al banco della presidenza, eppure basterebbe quella parola per contenere un identità e un programma)

  36. Pino Falci scrive:

    C aro Umberto, tu parli di debito di credibilità rispetto agli elettori. Mi fa piacere aver sempre pensato che tra i dirigenti di SeL sei quello che meglio sa vedere al di là degli steccati dei giochi nelle segrete stanze.
    Peccato che forse è tardi.
    Ma era così difficile capirlo sei mesi fa e metterlo in pratica quattro mesi fa ?
    Allora SeL era forse la cosa più promettente nella sinistra, adesso non più.

  37. Marco Renzini scrive:

    Ricordo che nel documento nazionale pre-Bagnoli di Unire la Sinistra si chiedeva il congresso almeno ” entro ” la prossima primavera del 2010.
    I tempi sono stati rispettati !
    Bene.
    Molto bene.
    Molto molto bene.
    Viva Umberto.
    Viva Sinistra e Liberta’.

    Costruiamo i Circoli di Sinistra e Liberta’ in tutti i comuni.

  38. claudio.paolinelli scrive:

    Finalmente vi siete sbloccati.
    Adesso Compagne e Compagni veloci verso la meta.

  39. lorenzo scrive:

    Caro Guidoni, ma perché non matematica.
    Ti giro la definizione di ecologia da Wikipedia:L’ecologia (dal greco: οίκος, oikos, “casa” o anche “ambiente”; e λόγος, logos, “discorso” o “studio”) è la disciplina che studia la biosfera, ossia la porzione della Terra in cui è presente la vita e le cui caratteristiche sono determinate dall’interazione degli organismi tra loro e con l’ambiente circostante, o ancora porzioni della biosfera medesima.
    Per definzione ecologia non indica priori un concetto positivo.

  40. nino scrive:

    il simbolo è dei 5 partiti, perciò potrà essere utilizzato solo se tutti e cinque acconsentiranno. Allo stato dei fatti, credo che sarà difficile ottenere da verdi e socialisti il nulla osta.

  41. Luca scrive:

    Finalmente si gioca a carte scoperte!!!
    Le persone che hanno sempre creduto nel nostro progetto adesso devono unirsi e lottare tutti insieme per arrivare il prima possibile ad un programma, un partito ed una rete di persone che possano sostenere la nuova sinistra laica, libertaria, ecologista ma che soprattutto torni a rappresentare il mondo del lavoro…e come molti hanno sempre detto su questo blog…chi ci sta ci sta…

  42. shumy74 ancona scrive:

    acvanti verso il congrsso Fondativo………uniti ce la faremo…..w sinsitra e liberta’w Nichi Vendola

  43. danilo scorrano (Sannicola - LE) scrive:

    Non c’è tempo da perdere, la nostra credibilità verrà meno se non anticipiamo a prima delle regionali il congresso fondativo, lo dice un verde dal giorno della nascita di quel partito, forza Paolo, Loredana e Grazia, la nostra casa è SINISTRA E LIBERTA’.

  44. Antonio_nn scrive:

    Grazie Guidoni! Avanti con Sinistra e Libertà. Diamogli forza compagni, firmiamo la petizione on-line “Sinistra e Libertà PARTITO subito!”:
    http://www.petizionionline.it/petizione/sinistra-e-liberta-partito-subito/88
    E’ una cosa simbolica, ma utile.

  45. luigi scrive:

    TESSERAMENTO E VIA AL CONGRESSO … SE SI ARRIVA DOPO LE REGIONALI CREDO CHE PERDEREMO MOLTI DEI NOSTRI ELETTORI.

  46. Antonello scrive:

    Dopo quello a Fava un grande ringraziamento anche a Guidoni per le parole illuminate che hai scritto.
    Vorrei che con Claudio puntualizzassi due questioni fondamentali:
    1) vogliamo un pronunciamento pubblico su questo sito di tutti i componenti del coordinamento nazionale provvisorio subito sulla proposta di trasformare la campagna di adesione in campagna di tesseramento e sull’impegno a celebrare il congresso costitutivo prima delle elezioni regionali (quindi entro gennaio 2009).
    Inoltre diteci come stanno le cose relativamente al nome ed al simbolo, è importante avere chiarezza al riguardo.
    Ancora grazie e avanti nella nuova sinistra italiana.

  47. Alberto scrive:

    Grande Guidoni!!! e adesso manca solo Vendola… Nichi se ci sei batti un colpo…

  48. Enzo scrive:

    Finalmente parole chiare.
    Non rischiate ( dirigenza ) di bruciare parte dell’entusiasmo che si avverte: io come altri aspettiamo di poter dedicare il nostro tempo e le nostre idee ad un progetto.
    Avanti con “testardaggine”, chiamare a raccolta chi ci sta, prima delle regionali…raccogliere parte dei malumori del PD ( che finiranno inevitabilmete a Di Pietro..) e non solo..

  49. massimo c. scrive:

    Il prossimo coordinamento nazionale di Sel deve decidere subito il nome e la cancellazione dei simboletti. Sinistra e Liberta’ ecologia. Sel.
    Piu’ importante la decisione della data del congresso fondativo Sel e del suo portavoce nazionale.
    Sel funziona!
    Massimo Calisi,
    ecologista di sinistra per la liberta’.

  50. elisa scrive:

    Grazie , Umberto per la tua dichiarazione ufficiale che io avevo già anticipato in questo sito, avendola letta nella tua pagina di FB.

  51. Martin scrive:

    Era ora! Mi raccomando: decidete che quello che parte il 18 è un tesseramento e non un’adesione!

  52. Giorgio Parisi scrive:

    BRAVO!

    Fare il congresso PRIMA delle regionali è l’unico modo per convincere gli
    elettori che facciamo sul serio e che sappiamo che cosa siamo. Inoltre
    un congresso prima ci da una visibilità di cui abbiamo molto bisogno.

    Dobbiamo partire molto velocemente altrimenti non ce la facciamo.
    Abbiamo come al solito poco tempo, ma questa volta dobbiamo usarlo in maniera utile.

Lascia un Commento Lascia un Commento