Pannello di controllo del post:

Analisi tecnica delle immagini digitali   29.12.09   31 commenti   Aggiungi un commento

Come accorgersi che le fotografie mentono. Matematicamente


L'articolo è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale.

Sulla scia delle indagini sulla falsa foto di Kennedy, ripesco un magnifico articolo di HackerFactor.com che spiega quali strumenti di analisi tecnica si possono usare sulle fotografie digitali per rilevare le manipolazioni fatte a scopo commerciale o politico.

L'articolo prende spunto da una foto del catalogo di Victoria's Secret, quella qui accanto, segnalata a suo tempo da Photoshop Disasters per via della borsetta maldestramente cancellata: si vedono ancora le maniglie nella mano della modella e le piastrelle della pavimentazione sono state ricostruite dimenticando di crearne la fuga (l'originale con borsetta è qui).

Fin qui il ritocco è visibile a un occhio attento. Ma l'articolo di Hackerfactor mostra come si possano usare strumenti matematici, anche su foto a bassa risoluzione come questa, per rivelarne ulteriori falsificazioni. Si parla di Error Level Analysis, una tecnica utile anche nelle indagini sulle immagini legate al terrorismo, come spiega Wired (software qui): questo strumento permette di scoprire che l'intero vestito è stato alterato e che il colore di occhi e denti è stato modificato. Emerge anche il fatto che lo sfondo è fasullo (è stato aggiunto dopo aver scontornato la modella).

Si parla anche di Luminance Gradient, che "recupera" i contorni della borsetta cancellata e rivela che lo sfondo è stato sfocato artificialmente e che la modella è stata tutta schiarita, e di Principal Component Analysis, che rivela la cancellazione del capezzolo. I livelli di rumore smascherano anche un altro trucco: il seno è stato aumentato digitalmente. Il mondo della fotografia di moda è talmente esasperato che persino a una modella-steccolino del genere è stato eliminato il microgrammo di ciccia sul braccio.

Mia figlia Lisa mi chiede spesso a cosa serve la matematica. Serve a non farsi fregare e a non farsi imporre modelli inarrivabili che spingono all'anoressia. Scusate se è poco.




Pannello di controllo del post:

Via gli oroscopi dalla TV?   29.12.09   184 commenti   Aggiungi un commento

Oroscopi 2009, che disastro. Come al solito


L'articolo è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale.

Raidue dedica l'intera prima serata di oggi alle previsioni astrologiche. Il Consiglio Nazionale degli Utenti, organismo dell'Agcom, e il presidente dell'associazione telespettatori cattolici (Aiart) protestano, secondo quanto riportato dal Corriere: "Il rischio è che si sfrutti la superstizione, la credulità o la paura, in particolare delle categorie di utenti psicologicamente più vulnerabili" dice il CNU; il presidente Aiart afferma che "Si tratta di una superstizione che non dovrebbe essere alimentata dalla tv, in special modo quella pubblica". Paura della concorrenza?

Nessun commento da parte del vicedirettore di Raidue, Roberto Giacobbo.

Come ogni anno, c'è chi si prende la briga di fare le pulci agli astrologi per vedere quanto sono affidabili le loro previsioni: il CICAP, che pubblica un elenco degli eventi più importanti del 2009, da usare per vedere se gli astrologi li avevano previsti, e un vasto campionario di previsioni sbagliate. Ce n'è per tutti: da Luciano Sampietro che preannunciava (grazie all'immancabile Nostradamus) un attentato mortale al Papa il 13 maggio al mago Johnny che per il 13 marzo prevedeva "suicidi collettivi" e il suicidio di "un grande uomo della televisione". La sensitiva Teodora Stefanova annunciava che Galliani sarebbe diventato ministro dello sport (cosa peraltro difficile, considerato che non c'è più un ministero dello sport).

George Clooney e Leonardo di Caprio avrebbero dovuto trovare moglie, secondo l'astrologa Barbara Massimo su Novella 2000. Il Torino sarebbe dovuto rimanere in Serie A, secondo Mauro Perfetti a Quelli che il calcio. E così via. Non una parola, invece, per preannunciare scandali come quello politico di Marrazzo o quello sportivo di Briatore, o l'aggressione a Berlusconi o al Papa. Inutile disquisire sui possibili meccanismi fisici d'influsso dei corpi celesti: sta di fatto che l'astrologia non funziona.

Non sarebbe dunque ora di sbarazzarsi di questi cialtroni e delle loro anticaglie degne del Medioevo più buio, e di non ospitarli più in televisione? Se la scusa è che alla gente interessa la materia e quindi si fa audience, ho una proposta modesta: prendete Zichichi, dategli un pennarello indelebile e fategli disegnare la spiegazione della relatività ristretta, in prima serata Rai, sulle chiappe di Belen Rodriguez.




Pannello di controllo del post:

Facebook non diventa a pagamento. Purtroppo   29.12.09   42 commenti   Aggiungi un commento

Facebook si pagherà dal 2010? Bufala


Radio 101 mi ha segnalato poco fa una storia che sta girando in Rete: Facebook diverrebbe a pagamento dal 2010. Sarebbe bello, così si scremerebbero un po' di perditempo, ma è una bufala che probabilmente deriva da questa pagina del sito satirico-umoristico Collegehumor.com, catturata nella schermata qui accanto.

Collegehumor ha semplicemente realizzato un falso post del blog ufficiale di Facebook. L'annuncio infatti non esiste nel blog vero. Per gli italofoni c'è anche una pagina Facebook per la smentita e non mancano le sbufalate anche al di fuori del social network.

Naturalmente tutto questo non ha impedito la nascita di un gruppo di Facebook di nome "No a facebook a pagamento nel 2010, servono 10.000.000 iscritti!", che è già arrivato a oltre un milione e ottocentomila adesioni, ma pare essere più che altro una pagina-esca che funge da collettore di spam. Poca cosa, comunque, in confronto ai cinque milioni di adesioni del gruppo di protesta contro Facebook a pagamento in inglese.




Pannello di controllo del post:

Kennedy e le bagnanti scostumate   29.12.09   81 commenti   Aggiungi un commento

La foto di Kennedy scandaloso è una bufala


L'articolo è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale.

Segnalo brevemente un nuovo esempio di faciloneria giornalistica: quello intorno alla foto d'epoca che mostrerebbe il presidente Kennedy che se la spassa con delle bagnanti nude mentre la moglie Jackie è in ospedale per partorire.

Repubblica ha frettolosamente corretto la didascalia per segnalare che la foto è forse un falso ("Ma altri siti rivelano: la foto è una bufala. Si tratterebbe della rielaborazione di una foto apparsa sul numero di novembre 1967 di Playboy"), ma non molla e usa ancora il condizionale, tanto per pararsi le spalle e altre parti anatomiche meno nobili, forse le stesse usate per pubblicare la notizia prima di qualunque minima verifica.

Infatti TMZ, il sito di gossip che aveva pubblicato inizialmente il falso scoop, ha già ammesso il proprio errore e confermato la fonte dell'immagine. The Smoking Gun ha recuperato la foto originale, che è a colori e proviene dal numero di novembre del 1967 di Playboy. Qui sopra ne vedete la parte saliente: il resto è sul sito di The Smoking Gun.

Il Corriere ha pubblicato la notizia, sostituendola poi con la smentita, ma nella Rete è rimasta l'eco della notizia originale, che titolava "Usa, l'imbarazzante foto di Jfk in barca con 4 donne nude" e precisava che "Secondo gli esperti non si tratta di un falso". Il Giornale ha pubblicato la foto in prima pagina con tanto di articolo di commento politico riferito alle vicende di presunte escort di Berlusconi e con un titolo categoricamente autenticista contraddetto dal testo dell'articolo. Coerenza, questa sconosciuta.

Caso chiuso. Non resta che attendere che Repubblica e gli altri giornali e telegiornali che hanno strombazzato lo scoop-patacca pubblichino la rettifica e si scusino con i lettori e telespettatori per aver sprecato il loro tempo pubblicando una bufala.



Pannello di controllo del post:

Una gattastrofe natalizia   24.12.09   52 commenti   Aggiungi un commento

Come assemblare un albero di Natale




1. Estrarre con cura l'albero dalla scatola.




2. Assemblare i rami partendo dal basso, in modo da sfruttarli come appoggio per le fasi successive.




3. Verificare che i rami non abbiano doppie punte o altri difetti.






4. Installare le luci facendo attenzione ad eventuali nodi o lampadine difettose.




5. Godersi il frutto delle proprie fatiche.




Buon Natale!


Se volete vedere l'albero completato e tutti i dettagli di quest'assemblaggio, che arriva dal Canada, e della successiva demolizione, andate a Fluffytails.ca. Buon divertimento, e auguri a tutti: scusate se non vi rispondo individualmente, siete piacevolmente in troppi!