512 TR

Focus On 

512 TR (1991) 


La 512 TR occupò il posto della Testarossa e fu annunciata nel 1992. La nuova vettura segnò il ritorno all’identificazione mediante una sigla: il “5” si riferiva alla capacità in litri del propulsore, il “12” al numero dei cilindri e “TR” era l’abbreviazione di Testarossa (Testa Rossa). Le differenze esterne principali erano concentrate nel musetto e nella coda della vettura, nelle feritoie di sfogo per l’aria del cofano motore e nel disegno dei cerchi ruota. C’era anche una leggera differenza appena percettibile nel profilo dei montanti posteriori, che nella 512 TR erano lineari e si univano direttamente al pannello del tettuccio, invece di presentare uno scalino e una griglia perforata per l’aria di sfiato come sulla Testarossa. All’interno furono variati i sedili, il disegno del volante e alcuni dettagli delle finiture. Dal punto di vista della meccanica furono cambiati numerosi dettagli del motore e del cambio: il risultato ottenuto vide un aumento della potenza e un utilizzo più positivo e soddisfacente del cambio. Una variazione non percettibile all’occhio riguardò il motore e la trasmissione, montati 30 mm più vicini al terreno per abbassare il baricentro, e quindi migliorare i già elevati standard relativi alla tenuta di strada.

Come per la Testarossa, i corpi vettura erano assemblati su un telaio avente un passo di 2550 mm. Il numero di riferimento interno era F 110 HB e i criteri di costruzione erano virtualmente identici a quelli adottati per il modello precedente. Tutti i numeri di telaio seguirono il criterio della numerazione continua, e vari modelli destinati ai mercati mondiali furono realizzati sia con la guida a destra sia con il volante a sinistra. La nuova veste estetica del musetto aveva una somiglianza familiare con il modello 348, introdotto nel 1989: più in dettaglio, era simile la forma della falsa griglia anteriore ornata da un Cavallino Rampante cromato, affiancata dai gruppi ottici anteriori che inglobavano in un sol blocco le luci di posizione, gli indicatori di direzione e i fari antinebbia. Nella parte posteriore il pannello fu ridisegnato con uno stile più ricco di linee curve, e cambiò la forma della sede incassata dove trovava posto la targa. Il cofano motore della Testarossa era provvisto di pannello centrale rialzato in tinta con la carrozzeria, con sfoghi dell’aria di color nero satinato posti ai lati e nella sezione posteriore. Con l’avvento della 512 TR, la sezione rialzata e gli sfoghi dell’aria di nuovo profilo ai suoi lati furono dipinti in nero satinato, mentre la porzione di sfoghi sita nella zona posteriore mantenne il colore della carrozzeria. La sigla 512 TR abbelliva il labbro posteriore del cofano motore, mentre nella sua facciata superiore era presente la scritta Ferrari. La scritta Testarossa ornava poi la parte superiore della sezione rialzata centrale. I nuovi cerchi in lega erano un’interpretazione molto elegante del tradizionale disegno Ferrari a forma di stella a cinque punte, ed erano realizzati con delle razze più sottili. I cerchi anteriori misuravano 8J x 18” di diametro, quelli posteriori 10.5J x 18” di diametro. Ciò aumentò leggermente la carreggiata anteriore e ridusse di poco quella posteriore. I cerchi nascondevano dei grossi freni a disco forati e ventilati dotati di pinze con quattro pistoncini. I loro circuiti di comando erano di tipo idraulico, erano separati per il treno anteriore e posteriore ed erano dotati di servo assistenza. I sistemi delle sospensioni indipendenti e dello sterzo erano di concetto sostanzialmente simile a quelli della Testarossa, ma erano stati oggetto di piccole variazioni e aggiustamenti per adattarli alle ruote di maggior diametro e per ottenere una guida più precisa.

Il dodici cilindri boxer con quattro valvole per cilindro e lubrificazione a carter secco era una versione migliorata dell’unità motrice già presente nella Testarossa. Manteneva la stessa cilindrata di 4943 cc con alesaggio e corsa di 82mm x 78mm e aveva come numero di riferimento interno 113 G. Furono modificati i condotti d’ammissione e ingrandite le valvole, ottenendo un ingresso più efficiente della miscela aria/benzina, inoltre l’iniezione di carburante e l’accensione elettronica furono sostituite con un sistema integrato Bosch Motronic M2.7 che offriva prestazioni superiori. I nuovi pistoni utilizzati aumentarono il rapporto di compressione da 9,3:1 a 10:1 e furono studiati degli alberi a camme di nuovo profilo. Il risultato di tutte queste modifiche fu un balzo di trentotto cavalli della potenza dichiarata, che passò a 428 hp a 6750 giri/minuto sui modelli destinati al mercato europeo e a 421 hp allo stesso regime di rotazione sui modelli realizzati per gli Stati Uniti. L’aumento della potenza migliorò l’accelerazione, mentre la velocità massima rimase simile a quella del modello precedente. La 512 TR fu prodotta tra il 1991 e il 1994, quando fu sostituita dalla 512 M. La consistenza di esemplari costruiti raggiunse le 2261 unità, i telai iniziarono con il numero 89100 e terminarono con il numero 99743.

Storia delle corse

Scopri tutti i successi in pista di Ferrari

Corse Clienti

Follow the Ferrari Challenge Championships

Ferrari Classiche

Programma di Restauro e Certificazione Ferrari

Ferrari Tour

Ingresso esclusivo nel cuore della Ferrari

Ultime notizie

17 giu 2010

Maranello - E' Ferrari il marchio più apprezzato dai navigatori di internet. E' quanto risulta da una speciale ricerca condotta da Reputation manager di ActValue, specializzata nell’analisi delle opinioni degli utenti sulla Rete...

16 giu 2010

Maranello - Si è tenuta oggi la cerimonia di intitolazione a Enzo Ferrari della facoltà di Ingegneria di Modena, come tributo all’impegno profuso dal fondatore della casa del Cavallino Rampante alla nascita a Modena della facoltà.

09 giu 2010

Nella mattinata di ieri il Presidente di Ferrari Luca di Montezemolo...

08 giu 2010

Johannesburg - Dopo il grande successo del Ferrari Store all'aeroporto di Johannesburg, Ferrari raddoppia la sua presenza nella grande città del Sud Africa con un nuovo store presso il Nelson Mandela Mall di Sandton City.

01 giu 2010

Il Liquid E Ferrari special edition è un esclusivo smartphone di ultima generazione creato da Acer, reso unico dalla combinazione tra estrema cura nel dettaglio, ricerca della performance e qualità dei materiali.

24 mag 2010

Il Gran Premio di Turchia è un appuntamento...

21 mag 2010

Maranello, 21 maggio – Oggi è un giorno...

19 mag 2010

Maranello - Si è svolta oggi la giornata in Ferrari, donata a Telethon e battuta all'asta benefica online tenutasi lo scorso dicembre. Mr Lin e signora, provenienti da Taiwan, si sono aggiudicati l'asta e hanno trascorso la giornata...

18 mag 2010

Maranello, 18 maggio – Un pilota d’eccezione...

18 mag 2010

Vallelunga, 18 maggio – Si è svolto oggi il terzo...

17 mag 2010

Maranello, 17 maggio –

16 mag 2010

Monaco, 16 maggio – Si è purtroppo conclusa in...

15 mag 2010

Monaco, 15 maggio – Nel secondo appuntamento...

Vai alla sezione
Eventi

25 giu 2010

Nono appuntamento della stagione di Formula 1 2010, sul circuito di Valencia. Aspettando il Gran Premio, scopri cosa è successo nella gara del 2009, in un flashback che riporta le azioni più belle del weekend di gara.

21 giu 2009

Decimo appuntamento della stagione di Formula 1 2010, sul circuito di Donington Park. Aspettando il Gran Premio, scopri cosa è successo nella gara del 2009, in un flashback che riporta le azioni più belle del weekend di gara.

23 lug 2010

Undicesimo appuntamento della stagione di Formula 1 2010, sul circuito di Hockenheim. Aspettando il Gran Premio, scopri cosa è successo nella gara del 2009, in un flashback che riporta le azioni più belle del weekend di gara.

30 lug 2010

Dodicesimo appuntamento della stagione di Formula 1 2010, sul circuito di Budapest. Aspettando il Gran Premio, scopri cosa è successo nella gara del 2009, in un flashback che riporta le azioni più belle del weekend di gara.

27 ago 2010

Dodicesimo appuntamento della stagione di Formula 1 2009, sul circuito di Spa-Francorchamp. Aspettando il Gran Premio, scopri cosa è successo nella gara del 2008 e le informazioni sul Ferrari Formula One Club.

10 set 2010

Quattordicesimo appuntamento della stagione di Formula 1 2010, sul circuito di Monza. Aspettando il Gran Premio, scopri cosa è successo nella gara del 2009, in un flashback che riporta le azioni più belle del weekend di gara.

24 set 2010

Quindicesimo appuntamento della stagione di Formula 1 2010, sul circuito di Singapore. Aspettando il Gran Premio, scopri cosa è successo nella gara del 2009, in un flashback che riporta le azioni più belle del weekend di gara.

01 ott 2010

Sedicesimo appuntamento della stagione di Formula 1 2010, sul circuito di Fuji. Aspettando il Gran Premio, scopri cosa è successo nella gara del 2009, in un flashback che riporta le azioni più belle del weekend di gara.

15 ott 2010

Diciassettesimo appuntamento della stagione di Formula 1 2010, sul circuito coreano. Aspettando il Gran Premio, scopri cosa è successo nella gara del 2009, in un flashback che riporta le azioni più belle del weekend di gara.

29 ott 2010

Diciottesimo appuntamento della stagione di Formula 1 2010, sul circuito di Yas Marina. Aspettando il Gran Premio, scopri cosa è successo nella gara del 2009, in un flashback che riporta le azioni più belle del weekend di gara.

12 nov 2009

Diciannovesimo appuntamento della stagione di Formula 1 2010, sul circuito di Interlagos. Aspettando il Gran Premio, scopri cosa è successo nella gara del 2009 e le informazioni sul Ferrari Formula One Club.

Vai alla sezione

Ferrari S.p.A.- sede legale: via Emilia Est 1163, Modena (Italia) - capitale sociale Euro 20.260.000 - p.i./codice fiscale 00159560366
Iscritta al registro imprese di Modena al n. 00159560366 - Copyright 2010 - Tutti i diritti riservati