IL FOGLIO .it - Direttore Giuliano Ferrara
accesso abbonati
ArchivioLa giornata

Totalitarismo digitale

Jaron Lanier dice che l’ideologia collettivista di Internet genera mostri, ma si rivela un po’ elitario

Se uno dei pionieri della rete come Jaron Lanier comincia a dubitare di Internet, come ha scritto domenica il Sole 24 Ore, vuol dire che è giunto davvero il momento di fare una riflessione seria sul World wide web. La tesi di Lanier, contenuta nel libro uscito martedì in America con il titolo “You are not a gadget”, è super pessimista. Lanier non è un luddista, è un mago della realtà virtuale, adora Internet, ma riconosce che la rete genera mostri, a causa del modo in cui è stata progettata e delle scelte che sono state fatte quando è stata lanciata la rivoluzione del 2.0.

L’anonimato, soprattutto. Ma anche la glorificazione del lavoro collettivo (Wikipedia e open source) e il mantra sull’informazione gratuita. Secondo Lanier, sono elementi che minacciano la creatività individuale, esaltano il peggio della società e alimentano comportamenti odiosi (“la meschinità della folla”) sui blog, sui forum e sui social network. Internet è diventato un luogo ispirato a una specie di “maoismo digitale”, a un totalitarismo cibernetico che nega al popolo di “nuovi contadini” la specificità della persona, riduce l’enfasi sull’individuo e cerca addirittura di renderlo obsoleto rispetto agli avanzatissimi computer.

Secondo Lanier, se non si cambia la struttura ingegneristica di Internet, se non si combatte contro l’ideologia collettivista che lo permea e se non si introduce un sistema universale di micropagamenti, i rischi sono enormi, anche di una rivoluzione di tipo fascio-marxista. Il problema è che i vecchi sistemi digitali sono chiusi, non riformabili, ed è troppo costoso ricominciare daccapo. Lanier ha molte ragioni, ma la tesi è un po’ elitaria. Là fuori il mondo è fatto così, a prescindere da Internet. Si chiama World wide web, non è il Mondo di Pannunzio.

di Christian Rocca

Sito certificato Audiweb

Web Design: Vai al sito di Area Web     Hosting: Vai al sito di Bluservice     Advertising: Vai al sito della divisione WebSystem del Sole 24 Ore

Se preferisci vedere questa pagina ottimizzata per iPhone clicca qui