Barra di navigazione: Santarcangelo di Romagna > Monumenti di Santarcangelo di Romagna
Santarcangelo di Romagna
Monumenti a Santarcangelo
Rocca Malatestiana
Chiesa la Collegiata
La Pinacoteca
Grotte Tufacee
Giovanni Vincenzo Garganelli
Museo Storico
La pieve di San Michele Arcangelo
I mulini di Santarcangelo di Romagna
Santarcangelo dei Teatri
Luigi Poletti
Girare per Santarcangelo e dintorni
   Andar per Borghi
   Andar veloci in Bici
   Andar per Fontane preziose
   Andar per Vivande gustose
Personaggi Illustri di Santarcangelo
   Paolo Carlini
   Giustiniano Villa
   Tonino Guerra
   Fabio de Luigi
   Gioacchino Volpe
Fiere a Santarcangelo
   La casa del Tempo
   Fiera di San Martino
   Fiera di San Michele
   La stampa a ruggine su tela
Specialità di Santarcangelo
Meteo a Santarcangelo
Directory a Santarcangelo
Lasciata la via Emilia, si entra nella città. Il primo monumento che appare agli occhi del visitatore è l’Arco Trionfale, che si eleva in Piazza Garganelli.

L’arco, eretto per volere dei cittadini, in onore di Papa Clememte XIV nel 1772 da Cosimo Morelli, funge da ingresso solenne a tutto il centro storico.
Si apre su Piazza Garganelli, che ha assunto la forma attuale nella seconda metà dell’Ottocento quando furono realizzati:



sul lato sud-ovest il neo-classico Palazzo Comunale, costruito da Luigi Poletti, l’architetto del Teatro di Rimini. In questo Palazzo si trova il prezioso polittico di Jacobello di Bonomo datato e firmato 1385, entro una cornice originale è rappresentata la Madonna col Bambino e Santi, inoltre un altro splendido dipinto del 1531 di Luca Longhi.

Inoltre il sobrio edificio delle Scuole Comunali, costruite sul luogo dove un tempo sorgeva la chiesa gotica di S. Francesco.

Al centro della Piazza è il Monumento “Ai Caduti” di Benardino Bollava del 1925 in bronzo.

Un animato caratteristico mercato segue nell’adiacente Piazza Lodovico Marini delineata da un lungo portico.
Nella settecentesca Collegiata eretta da Giovanni Francesco Buonamici sono esposte due tele del Cagnacci e un Crocifisso su tavola della scuola riminese del ‘300.
La Porta Cervese del sec. XIV prende il nome dalla strada che collega Santarcangelo con Cervia.



In Piazza Monache s’affaccia il Monastero di S. Caterina e S. Barbara ricostruita dal Buonamici nel 1738. La Torre dell’Orologio è del 1893 ed è di imitazione trecentesca.

Dalla Cappella Zampeschi del 1530 si conserva solamente la facciata.
Il Convento dei Cappuccini fu eretto fra il 1654 e il 1661. La Chiesa è del 1856.



Un complesso di “fornaci romane” del sec. II – III furono scoperte vicino al nuovo Campo sportivo.
Mentre il Mangano che si trova nel Vicolo Denzi, ove nascono le “tele stampate a ruggine” è del ‘600.

Elenco di tutti gli hotel Misano Adriatico, con offerte per gruppi, last minute per ragazzi e pacchetti all inclusive per famiglie con bambini.