GENERALE
punta elencoIntroduzione
punta elencoNormativa
     - Comunitaria
     - Nazionale
     - Regionale
punta elencoInformazioni aggiuntive

PRODOTTI
punta elencoProdotti di qualit�
punta elencoProdotti tradizionali
punta elencoInserimento prodotto
punta elencoRicerca prodotto

UTILITA'
punta elencoNews
punta elencoDownload
punta elencoLinks
     - regionali
     - altre regioni
     - nazionali
     - internazionali
     - normativa

 
Pagina visitata n� volte
 
 

INTRODUZIONE


Il sistema del riconoscimento delle DOP, IGP e STG, introdotto con i Regolamenti CEE n. 2081/92 e n. 2082/92, rappresenta uno strumento di fondamentale importanza per accrescere la competitivit� delle imprese agricole calabresi attraverso la valorizzazione e la tutela del proprio prodotto, sostenendo nel contempo lo sviluppo socio-economico delle aree rurali, in particolare quelle montane, e contribuendo ad evitare il loro spopolamento con il presidio umano del territorio e dell'ambiente.

La Comunit� con i Regolamenti suddetti ha impostato la politica europea della qualit� che tende a soddisfare maggiormente le aspettative qualitative dei consumatori garantendo l'origine e la specificit� dei prodotti, con il duplice obiettivo: da un lato garantire una pi� completa informazione ai consumatori, dall'altro offrire una protezione ai produttori impegnati in produzioni tradizionali, specifiche e diverse dalle produzioni relative a prodotti simili.

Nello specifico la Comunit� Europea si proponeva di raggiungere i seguenti obiettivi:
  • favorire la diversificazione della produzione agricola per conseguire un migliore equilibrio tra offerta e domanda sul mercato;
  • garantire condizioni di conoscenza uguali tra i produttori dei prodotti che beneficiano del marchio;
  • promuovere i prodotti di qualit� aventi determinate caratteristiche per garantire il miglioramento dei redditi degli agricoltori e favorire la permanenza della popolazione rurale, specie nelle zone disagiate;
  • seguire le esigenze dei consumatori che tendono a privilegiare, nella loro alimentazione, la qualit� anzich� la quantit�, il che comporta una domanda sempre pi� consistente di prodotti agricoli o di prodotti alimentari aventi un'origine geografica determinata;
  • data la diversit� dei prodotti immessi sul mercato e il numero elevato di informazioni fornite al riguardo il consumatore deve disporre, per operare una scelta ottimale, di informazioni chiare e sintetiche che forniscono esattamente l'origine del prodotto.

L'orientamento della politica agricola comune �, quindi, quello della promozione dei prodotti agricoli di qualit� che possono rappresentare la carta vincente nel mondo rurale, in particolare delle zone svantaggiate e periferiche, in considerazione che la produzione, la fabbricazione e la distribuzione di prodotti agricoli ed alimentari occupa un posto importante nell'economia del tessuto produttivo comunitario e in particolare nella fattispecie per quello calabrese.

Inoltre, data la diversit� dei prodotti immessi sul mercato, il consumatore deve disporre di informazioni chiare e sintetiche in grado di fornire esattamente l'origine del prodotto al fine di operare una scelta ottimale.

La crescente preoccupazione dei consumatori per la qualit� dei prodotti alimentari � stato un fattore determinante per lo sviluppo della politica comunitaria in materia di identificazione dei prodotti, attraverso denominazioni che ne garantiscono la qualit�, al fine di fornire sicurezza sull'origine degli stessi e sui relativi metodi di trasformazione.

La tracciabilit� e la rintracciabilit� diventano ormai strumenti obbligatori e le imprese sono chiamate ad implementare questi sistemi con l'obiettivo di minimizzare il costo razionalizzando le interrelazioni lungo la catena alimentare. E' evidente, quindi, che le DOP/IGP/STG con le loro regolamentazioni vanno in questa direzione.

Tra gli obiettivi della Regione Calabria vi � quello di competere, con i propri prodotti agroalimentari, per qualit� sui mercati nazionali, comunitari ed extracomunitari creando nuove opportunit� per i propri produttori.

Questo naturalmente significa che gli operatori interessati debbono preparare un dossier da presentare alle autorit� nazionali e comunitarie attraverso il quale venga dimostrato come un prodotto, originario di una certa zona, possieda delle caratteristiche proprie dovute all'origine e che lo contraddistinguono da prodotti similari, assicurando quel rapporto leale, costante e trasparente con i consumatori, garantendo, nel contempo, qualit�, origine e rintracciabilit� attraverso la garanzia dei controlli messi in atto.

E', quindi, ragionevole presupporre che in un prossimo futuro le domande di riconoscimento e registrazione DOP e IGP subiranno un importante incremento.

E' evidente che domande non ben argomentate, o in ogni modo carente della documentazione formale, incontrano serie difficolt� con la conseguenza di subire ritardi nell'istruttoria, dovuti essenzialmente alla richiesta di documentazione integrativa necessaria o comunque chiarimenti di punti non ben esplicitati, se non addirittura i rigetto, sebbene i prodotti, per le loro peculiarit� meriterebbero di essere approvati.

Ecco quindi la necessit� di dotare i promotori interessati, a qualsiasi titolo, di regolamentazioni regionali in grado di chiarire, il pi� possibile, l'iter procedurale con la convinzione che questo si traduca in una riduzione dei tempi d'attesa per il riconoscimento e la conseguente registrazione del prodotto agricolo o alimentare di cui si chiede il riconoscimento, nell'interesse dei consumatori, dei produttori e pi� in generale dell'economia della nostra Regione.

Questo sito si propone un duplice obiettivo: da una parte fornire gli strumenti tecnici e legislativi per una buona argomentazione delle richieste da parte dei Promotori interessati da presentare al Ministero delle Politiche Agricole e Forestali (titolato per l'istruttoria delle domande e per la proposta alla Comunit� Europea) a che i prodotti abbiano il giusto riconoscimento e la conseguente tutela Europea, dall'altra di dare visibilit� ai consumatori dei prodotti agricoli e alimentari riconosciuti (DOP, IGP, STG), ma anche ai vini (DOC, DOCG, IGT) gi� tutelati, e ai Prodotti Tradizionali Calabresi gi� inseriti nell'Elenco Nazionale dei Prodotti Tradizionali.

A cura:
Dott. Agr. Domenico Marando
DIRIGENTE INCARICATO DEL SERVIZIO VALORIZZAZIONE PRODOTTI AGRICOLI ED AGROALIMENTARI (DOP-IGP-ECC.)