HOME CIRCOLO GRUPPI PRIDE GAP ATTIVITÀ ALBUM UTILITÀ DOSSIER STAMPA LINK
aids diritti discriminazioni omofobia   nazismo movimento politica chiesa cinema comics
                   

 
OMELIA DI UN GIOVANE OMOSESSUALE ALLA MESSA DI MEZZANOTTE DI NATALE 2003
DOCUMENTO DEL VATICANO CONTRO LE UNIONI CIVILI OMOSESSUALI firmato dal Cardinal Ratzinger
La Rassegna Stampa
LEXICON - Termini ambigui e discussi su famiglia, vita e questioni etiche. A cura del Pontificio consiglio per la famiglia

LA CHIESA LICENZIA
Don Vitaliano, un prete scomodo

ALFREDO ORMANDO
un martire gay cristiano

 

 

 

 

 

 


ALFREDO ORMANDO
morto dopo essersi dato fuoco in piazza S. Pietro per
"protesta contro la Chiesa che demonizza l'omosessualità"

Alfredo Ormando, orfano di padre e ultimogenito di una famiglia con otto figli di San Cataldo (Sicilia), due anni di seminario e un tormentato periodo universitario, si è immolato con la benzina in piazza San Pietro a Roma il 13 gennaio 1998.

Sua madre lo aveva sentito la sera prima. Alfredo le aveva telefonato dicendo che si sarebbe recato a Roma per motivi di studio. Gaetano Mangano, un affittacamere di Palermo, l’aveva visto due giorni prima e Alfredo gli aveva chiesto in prestito centomila lire.

Una donna che pulisce i gabinetti a piazza San Pietro vide Ormando mentre si versava addosso la benzina e poi correva avvolto dalle fiamme verso il centro della piazza.

Gli agenti di polizia subito lo soccorsero e uno di loro tentò anche di spegnere le fiamme usando la propria giacca. Prima di perdere coscienza Alfredo disse: “Non sono neanche stato capace di morire”.

Fu trasportato all’ospedale Sant’Eugenio dove morì dopo dieci giorni di atroce agonia.

Le lettere che si era portato appresso non furono pubblicate e la sala stampa del Vaticano rilasciò un comunicato stampa, dichiarando che Alfredo Ormando non si era suicidato a causa della sua omosessualità o in protesta contro la chiesa cattolica, ma perché aveva problemi in famiglia.

Ma, subito dopo la sua morte l’ANSA ricevette le sue lettere con la posta e ne pubblicò parte.

Ormando aveva inviato da Palermo una copia all’ANSA, prima di prendere il treno per Roma. Sapeva benissimo che le lettere, una volta nelle mani dei preti, non sarebbero mai state pubblicate.

Un mese dopo la sua morte ci siamo recati (eravamo soltanto nove persone) in piazza San Pietro per porre dei fiori sul luogo dove lui si era bruciato come un bonzo. Arrivò subito la polizia e ci intimò di andar via. Avevano l’ordine del Vaticano di far togliere anche i fiori. Io dissi loro che se Gesù Cristo si fosse trovato sul sagrato della basilica, Lui sarebbe sceso e ci avrebbe abbracciati uno per uno e che quindi il Vaticano aveva dato ancora una volta dimostrazione di essere anticristico.

Gli uomini delle Forze dell’Ordine erano visibilmente dispiaciuti; avevano visto Ormando bruciare e uno di loro mi disse che anche lui era Siciliano; un altro mi raccontò che il poliziotto che aveva tentato di spegnerlo con la propria giacca era ancora sotto shock e di notte non riusciva a dormire.

La più bella pianta la regalai per farla dare a quel poliziotto per ringraziarlo per la sua buona azione.

Nel 1999, sotto una pioggia battente, eravamo di nuovo a San Pietro per commemorare Ormando. Questa volta erano presenti anche i presidenti Arcigay (Sergio Lo Giudice) e del Mario Mieli (Imma Battaglia). La polizia non poteva permetterci di entrare sulla piazza e così decidemmo di deporre i fiori sul suolo italiano, al confine con lo Stato del Vaticano, una chiara dimostrazione del comportamento anticristico di quello Stato. Il 13 gennaio è diventato l'ORMANDO DAY. Domenica 13 gennaio 2002 Vi aspettiamo tutti!

Peter Boom.


Commemorazione di Ormando del 13.1.02

LETTERA AUTOGRAFA DI ALFREDO ORMANDO AD UN AMICO:

Palermo; Natale 1997

Caro Adriano; quest’anno non sento più il Natale, mi è indifferente come tutte le cose; non c’è nulla che riesca a richiamarmi alla vita.

I miei preparativi per il suicidio procedono inesorabilmente; sento che questo è il mio destino, l’ho sempre saputo e mai accettato, ma questo destino tragico è là ad aspettarmi con una certosina pazienza che ha dell’incredibile.

Non sono riuscito a sottrarmi a questa idea di morte, sento che non posso evitarlo, tantomeno fare finta di vivere e progettare per un futuro che non avrò: il mio futuro non sarà altro che le prosecuzione del presente.

Vivo con la consapevolezza di chi sta per lasciare la vita terrena e ciò non mi fa orrore, anzi!, non vedo l’ora di porre fine ai miei giorni; penseranno che sia un pazzo perché ho deciso piazza San Pietro per darmi fuoco, mentre potevo farlo anche a Palermo.

Spero che capiranno il messaggio che voglio dare: è una forma di protesta contro la Chiesa che demonizza l’omosessualità, demonizzando nel contempo la natura, perché l’omosessualità è sua figlia.

Alfredo

 

Rassegna stampa (trovate 29 corrispondenze):
24/09/2004 - ***
Comunicato Stampa - Comune di Bagheria
Presentazione di Omocaust di Montana
Presentazione di Omocaust di Montana e donazione opere di Alfredo Ormando alla Civica Biblioteca di Bagheria (PA)
15/01/2004 - ***
L'Unità - Delia Vaccarello
COMMEMORAZIONE DI ORMANDO IN VATICANO
Sei anni non sono passati invano per la società civile e la comunità gay
14/01/2004 - ***
La Sicilia
Fiori davanti al Vaticano per ricordare il gay sancataldese che si diede fuoco
...per la prima volta in sei anni - un mazzo di fiori dell'assessorato al lavoro della Provincia di Roma...
13/01/2004 - ***
Gay.it - Pasquale Quaranta
MAI PIÙ 'MORTI DI VATICANO'
Si è svolta a Roma la commemorazione di Alfredo Ormando, poeta siciliano suicidatosi sei anni fa in piazza San Pietro per protestare contro la discriminazione religiosa.
13/01/2004 - ***
ANSA
GRILLINI ALLA COMMEMORAZIONE DI ORMANDO: "DIRITTI DEI GAY DOVERE DELLA SINISTRA"
...La gerarchia ecclesiastica, quindi, ''rischia di trovarsi buon ultima tra coloro che coltivano questa omofobia,...
13/01/2004 - ***
ANSA
CONCLUSA LA MANIFESTAZIONE COMMEMORATIVA DI ALFREDO ORMANDO
...Il piccolo corteo ha attraversato piazza Pio XII con in mano striscioni e bandiere, per poi fermarsi dinanzi alle transenne ...
13/01/2004 - ***
L'Unità - Delia Vaccarello
IO TORCIA UMANA LANCIATA CONTRO IL VATICANO
Il 13 gennaio di sei anni fa Alfredo Ormando, gay e poeta siciliano, si dava fuoco a S. Pietro.
13/01/2004 - ***
La Repubblica
"L'omosessualità, il fuoco, le colonne infami. In memoria di Alfredo Ormando"
...La mostra, omaggio al sesto anniversario della morte dello scrittore nisseno Ormando, è riservata a un pubblico adulto...
12/01/2004 - ***
Gay.it
A Bagheria una mostra in memoria di Ormando
Martedì 13 gennaio alle ore 19 nei locali della Casa-Museo dell'omosessualità "Piero Montana" sarà inaugurata la mostra "L'omosessualità, il fuoco, le colonne infami. In memoria di Alfredo Ormando".
09/01/2004 - ***
Comunicato Stampa - Arcigay Ufficio Stampa
13 gennaio, manifestazione a San Pietro
VIª Giornata contro la Discriminazione Antiomosessuale su Base Religiosa
13 gennaio 2003 ore 16 - Piazza Pio XII, Roma
In ricordo di Alfredo Ormando
<< Precedenti   >>|




NO COPYRIGHT!
E' consentita la riproduzione del materiale originale del sito, purchè ne venga citata la fonte
PER BUGS, SUGGERIMENTI O CORREZIONI SCRIVI AL WEBMASTER