Statuto

 
COMUNE DI CASTELVECCHIO DI ROCCA BARBENA
(PROVINCIA DI SAVONA)

STATUTO
(scarica il documento completo)

TITOLO I PRINCIPI GENERALI

PREAMBOLO

Premesso che il Comune di Castelvecchio di Rocca Barbena ritiene irrinunciabili i valori del rispetto della dignità umana, della libertà , della democrazia, dello stato di diritto e del rispetto della vita e dei diritti dell’uomo, il Comune di CASTELVECCHIO riconosce nelle proprie radici cristiane i valori fondanti del suo patrimonio di cultura e di civiltà.

Art. 1 AUTONOMIA STATUTARIA

Il Comune di CASTELECCHIO di R.B.:

  1. E’ ente autonomo locale con rappresentatività generale secondo i principi della Costituzione e nel rispetto delle leggi della Repubblica Italiana;
  2. E’ ente democratico che valorizza ogni forma di collaborazione con gli altri enti locali;realizza, con i poteri e gli istituti del presente statuto, l'autogoverno della comunità;
  3. Il Comune si avvale della sua autonomia, nel rispetto della Costituzione e dei principi generali dell'ordinamento, per lo svolgimento della propria attività ed il perseguimento dei suoi fini istituzionali;
  4. Il Comune rappresenta la comunità di Castelvecchio di R.B. nei rapporti con lo Stato, con la Regione Liguria, con la Provincia di Savona e con gli altri enti o soggetti pubblici e privati e,nell’ambito degli obiettivi indica nel presente Statuto, nei confronti della comunità internazionale. 

Art. 2 FINALITA' 1.

  1. Il Comune promuove lo sviluppo ed il progresso civile, sociale ed economico della comunità di ispirandosi ai valori ed agli obiettivi della Costituzione. Esso rappresenta unitariamente gli interessi della comunità, ne cura lo sviluppo ed il progresso civile nel pieno rispetto delle compatibilità ambientali.
  2. Il Comune promuove e tutela l'equilibrato assetto del territorio e concorre, insieme alle altre istituzioni nazionali e internazionali, al miglioramento della qualità della vita,assicurando nell’ambito di un uso sostenibile ed equo delle risorse, i diritti e le necessità delle persone di oggi e delle generazioni future.
  3. Il Comune, inoltre, ispira la propria azione alle seguenti finalità:
    a) dare pieno diritto all'effettiva partecipazione dei cittadini, singoli o associati, alla vita organizzativa, politica, amministrativa, economica e sociale del comune di Castelvecchio di R.B.A tal fine sostiene e valorizza l’apporto costruttivo e responsabile del volontariato e delle libere associazioni;
    b) valorizzazione degli strumenti che favoriscono la crescita delle persone;promozione delle attività culturali e sportive come tutela, conservazione e promozione delle risorse naturali, paesaggistiche, storiche, architettoniche e delle tradizioni culturali presenti sul proprio territorio;
    c) valorizzazione dello sviluppo economico e sociale della comunità, promovendo la partecipazione dell’iniziativa imprenditoriale dei privati alla realizzazione del bene comune;
    d) sostegno alle realtà della cooperazione che perseguono obiettivi di carattere naturalistico e sociale;
    e) tutela della vita umana, della persona e della famiglia, valorizzazione sociale della maternità e della paternità, assicurando sostegno alla corresponsabilità dei genitori all'impegno della cura e dell'educazione dei figli, anche tramite i servizi sociali ed educativi garanzia del diritto allo studio e alla formazione culturale e professionale per tutti in un quadro istituzionale ispirato alla libertà di educazione;
     f) rispetto e tutela delle diversità etniche, linguistiche, culturali, religiose e politiche,anche attraverso la promozione dei valori e della cultura della tolleranza;
    g) sostegno alla realizzazione di un sistema globale e integrato di sicurezza sociale e di tutela attiva delle persone disagiate e svantaggiate;
    h) riconoscimento di pari opportunità professionali, politiche e sociali fra i sessi;
    i) adozione delle misure necessarie a conservare e difendere l’ambiente, attuando piani per la difesa del suolo e del sottosuolo e per eliminare le cause di inquinamento atmosferico, acustico e delle acque;
    j) tutela del patrimonio storico, artistico ed archeologico, garantendo il godimento da parte della collettività anche per finalità turistiche. Promuove e garantisce la tutela degli usi civici al fine di garantirne la validità nel tempo;
    k) mantenere il territorio Comunale libero da “organismi geneticamente modificati: (OGM)”, nel rispetto del principio di precauzione e nelle more della messa a punto di sicurezza.
    l) riconosce il diritto all'acqua come diritto umano,universale,indivisibile,inalienabile e lo status dell'acqua come bene comune pubblico
    m) riconosce,inoltre,che la gestione del servizio idrico è un servizio pubblico locale ,privo di rilevanza economica,che deve garantire a tutti i cittadini l'accesso all'acqua.  

Art. 3 TERRITORIO E SEDE COMUNALE

  1. Il territorio di Castelvecchio di R.B.ha un'estensione di 16,60 Kmq, ha una latitudine di 44'' 7' 50’’ 88 e una longitudine di 08’’ 7' 3” 72 . Ha una altezza sul livello del mare minima di 200 e massima di 1142.Comprende la Frazione Vecersio e le località :Giro di Loano,e Borgate Sparse(Cascina d'Aglio e Scravajon)
  2. La sede del Comune, dei suoi organi istituzionali e degli uffici è posta sulla strada provinciale SP 52 – Bareassi-Calizzano.
  3. Le modificazioni alla circoscrizione territoriale sono apportate con legge regionale ai sensi dell’art. 133 della Costituzione previa audizione della popolazione del Comune.
  4. Le adunanze degli organi elettivi collegiali si svolgono nella sede comunale. In casi del tutto eccezionali e per particolari esigenze, il consiglio può riunirsi anche in luoghi diversi dalla propria sede.
  5. La modifica della denominazione delle borgate e frazioni può essere disposta dal Consiglio. 

Art. 4 STEMMA E GONFALONE

  1. Il Comune negli atti e nel sigillo si identifica con il Comune di Castelvecchio di Rocca Barbena
  2. ll Comune ha un proprio stemma e gonfalone adottati con Decreto del Presidente della Repubblica del 21 settembre 2004. Lo stemma raffigura :3 lettere maiuscole indicanti il nome del Comune (CRB),la montagna (Rocca Barbena)che sovrasta il paese e nella parte inferiore lo scudo semipartito troncato . Il gonfalone ,correlato allo stemma sudetto,reca nella parte sovrastante una corona d'argento ed in quella sottostante due fronde di cui una di querce con ghiande e l'altra di alloro con le bacche unite da un nastro tricolore.
  3. Nelle cerimonie e nelle pubbliche ricorrenze, e ogni volta sia necessario rendere ufficiale la partecipazione dell'ente a una particolare iniziativa, il Sindaco può disporre che venga esibito .
  4. La Giunta ed il Sindaco, possono autorizzare l'uso e la riproduzione dello stemma del comune per fini non istituzionali soltanto ove sussista un pubblico interesse.

     Art. 5 ALBO PRETORIO

  1. Il consiglio Comunale individua nel palazzo civico apposito spazio da destinare all’Albo Pretorio, per la pubblicazione degli atti e avvisi previsti dalla legge, dallo Statuto e dai regolamenti.
  2. La pubblicazione deve garantire l’accessibilità, l'integralità, la facilità di lettura. 

Continua.... 

 

XHTML 1.0 Valido! CSS 1.0 Valido!