Motori & Motori - Accensione funzionamento


MOTORI & MOTORI
Motagarden
è lieta di presentarvi una nuova sezione del nostro sito, questa sezione offrirà informazione sul funzionamento di motori a 4 tempi, 2 tempi, teoria del carburatore, accensione e tutto quello che riguarda piccoli motori endotermici per equipaggiamenti.


Indice generale
1.Motori a 4 tempi
2.Funzionamento delle valvole
3.Carburatori
4.Benzina ed olio
5.Accensione teoria di funzionamento



5.PARTE
ACCENSIONE TEORIA DI FUNZIONAMENTO

Nel libretto uso e manutenzione di molti motori si raccomanda di usare candele specifiche, di non sostituire con altro tipo, di serrare la nuova candela con Nm di coppia esatta, prima di intervenire sull'impianto di accensione considerare la seguente teoria di funzionamento ed attenersi al libretto uso e manutenzione ed alle specifiche del costruttore del motore.

Un impianto di accensione a magnete è costituito da due circuiti molto semplici, uno chiamato circuito primario, l'altro circuito secondario. Entrambi hanno una serie di spire avvolte su di un nucleo in ferro e i magneti nel volano a del rotore agiscono sui due circuiti. La corrente può essere indotta in ognuno di essi mediante variazione del campo magnetico all'interno o attorno alle spire del circuito.

Il circuito primario conta un numero abbastenza basso di spire di filo di diametro abbastanza grosso ed il circuito comprende le puntine ed il condensatore.

Il circuito secondario ha una bobina composta da molte spire di filo più sottile, avvolte a attorno alla parte esterna del primario, ed una candela. Nel secondario ci sono circa 60 spire per ogni spira del primario.
Un magnete permanente è montato sul volano o rotore. Quando il volano gira, il magnete viene portato in prossimità della bobina e del nucleo.

Sistemi adottati come dal costruttore Americano B&S si differenziano dai costruttori convenzionali per il fatto che il voltaggio prodotto è calcolato in funzione delle necessità del motore. Il magnete usato è di tipo ceramico e sviluppa una forza magnetica di molto elevata in una distanza molto breve. La lunghezza di questo magnete, (fig. del disegno) è di 9,5mm, mentre quello in Alnico misura 22,22mm.


Il flusso magnetico
La figura 27 mostra il flusso magnetico che circola nell'armatura di ferro quando la calamita del volano si avvicina alla bobina. Le freccie indicano la direzione del flusso del campo magnetico. Notate che non c'è (o c'è pochissimo) magnetismo che passa nella parte superiore dell'armatura. Questo perchè nell'intraferro nella parte superiore crea resistenza. A questo punto i nostri contatti si chiudono.
Il volano continua la sua rotazione ed arriva alla posizione mostrata in figura 28. Il flusso magnetico continua a fluire nella stessa direzione e con la stessa intensità al centro della bobina, grazie alla corrente del primario. Tuttavia, il flusso magnetico scorre in senso opposto nella parte esterna dell'armatura e nell'intraferro, a causa del cambiamento di posizione del magnete del volano. Siccome il flusso, passa attraverso l'intraferro, la corrente nel circuito primario è debole e ciò permette di prolungare la durata delle puntine del ruttore.






Prossima pagina

Copyright © 2014 Zen Cart. Powered by Zen Cart
Elettromeccanica Estense S.n.c. - Via Deserto 112 - 35042 ESTE (PADOVA) Telefono 0429.602537 - Fax 0429.56749 - P.I. 00696420280 - C.C.I.A.A. n. 0049360

Testi, loghi, immagini, foto, file allegati sono coperti da Copyright ©, ne viene vietata ogni riproduzione anche parziale !

Motosega in offerta GS350 di OleoMAC