Ferrero: “Ho proposto a Cassano di fare il dirigente, ha detto no. Giampaolo predilige i ragazzi”

 

E’ destinato a proseguire il tormentone Cassano. Il giocatore – nella giornata di ieri – si è presentato regolarmente al raduno indetto da Giampaolo (a Bogliasco), mostrando un’ottima condizione atletica. Condizione che non ha smosso la volontà del presidente Ferrero, intenzionato a chiuder le porte del Mugnaini al fantasista barese.

E’ di oggi, infatti, la notizia del ruolo da dirigente che – il produttore romano – avrebbe avanzato al 99 doriano. “Gli ho proposto di fare il dirigente con me, ma ha rifiutato. Cassano è un talento, ma ho preso un allenatore che predilige i ragazzi, e meno male. Ci sono giocatori di 30 anni che sono giovani e giocatori di 20 anni che sono vecchi”.

Intanto Montella da Milano precisa sul suo addio. “Ho avuto un chiarimento con la società Sampdoria. Ho lavorato per loro fino all’ultimo giorno. Poi ho avuto la possibilità Milan e mi hanno dato autorizzazione scritta per trattare con Galliani. Probabilmente non ero la scelta giusta per la società ed evidentemente il loro desiderio era che andassi. Mi dispiace che i tifosi pensano che io abbia tradito ma il realtà ho dato tutto”.

A margine della presentazione del tecnico campano, ha preso la parola l’amministratore delegato meneghino, Adriano Galliani. “Voglio ringraziare Massimo Ferrero che ha liberato Montella con grande fair play. Approfitto dell’occasione per ringraziare la Samp e il suo presidente”.